Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sblocca Cantieri, ecco l’elenco delle opere prioritarie
LAVORI PUBBLICI Sblocca Cantieri, ecco l’elenco delle opere prioritarie
TOPOGRAFIA

Riclassamento catastale e ICI: sconti fiscali dai Comuni

di Rossella Calabrese

Ici ridotta per chi dichiara le variazioni dei valori catastali ai fini del riclassamento previsto dalla Finanziaria 2005

Vedi Aggiornamento del 29/04/2008
Commenti 10331
10/04/2006 - Si moltiplicano le iniziative dei Comuni per favorire l’autodenuncia da parte dei contribuenti, delle variazioni edilizie ai fini dell’aggiornamento del classamento catastale. In particolare, Comuni come Roma, Bologna e Genova prevedono sconti fiscali sull’ICI per chi presenta la dichiarazione per l’aggiornamento dei valori catastali degli immobili. Ricordiamo che la revisione del classamento delle unità immobiliari di proprietà privata è prevista dai commi 335-339 della Legge Finanziaria per il 2005 (Legge 311/2004). Nell’ambito delle misure per di contrasto all’evasione fiscale, la Finanziaria 2005, prendendo atto che spesso i lavori di ristrutturazione e la rinnovata destinazione d’uso dei centri cittadini comportano un notevole incremento del valore di mercato di alcune tipologie di immobili, ha attribuito ai Comuni la facoltà di richiedere la revisione parziale del classamento delle unità immobiliari, situate in "microzone" che non rispecchiano più i valori correnti di mercato. Il riclassamento quindi, facendo emergere la giusta rappresentazione dei valori fiscali degli immobili, coerentemente con gli eventuali incrementi subiti, ha l’effetto di ampliare il gettito fiscale. Di conseguenza, cambiano le tariffe d'estimo e la rendita catastale, cioè i riferimenti per la determinazione della base imponibile su cui si calcolano diversi tributi. La Finanziaria 2005 prevede che i Comuni richiedano ai titolari di diritti reali sugli immobili interessati da variazioni edilizie, la presentazione di atti di aggiornamento. La richiesta è notificata ai soggetti interessati e comunicata all’Agenzia del territorio. Se i soggetti interessati non ottemperano alla richiesta entro novanta giorni dalla notifica, l’Agenzia del territorio provvede, con oneri a carico dell’interessato, alla verifica del classamento. Per incoraggiare i proprietari degli immobili a dichiarare le variazioni edilizie, il Comune di Roma ha approvato una delibera che prevede agevolazioni Ici per i proprietari che avviano spontaneamente le procedure di regolarizzazione e aggiornamento: i proprietari potranno presentare entro il 31 ottobre 2006 all’Agenzia del Territorio, o in via telematica mediante Docfa, la richiesta di rettifica. Entro 30 giorni dalla presentazione dovranno versare il 50% dell’imposta Ici dovuta per le annualità ancora passibili di accertamento, a partire dal 2001. Anche il Comune di Bologna, con una delibera, ha modificato il Regolamento dell’Ici, al fine di consentire ai proprietari di immobili di provvedere autonomamente alla presentazione degli atti di aggiornamento catastale, e al versamento dell'imposta relativa alle annualità arretrate senza l’applicazione di sanzioni e interessi. La denuncia va presentata entro il 30 giugno 2006, e il pagamento va effettuato entro i 30 giorni successivi. Analoga l’iniziativa del Comune di Genova di applicare sconti sull’Ici per chi presenti all’Agenzia del Territorio gli atti di aggiornamento catastale. www.comune.roma.it www. comune.bologna.it www.comune.genova.it

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, lo conosci davvero? Scoprilo con il quiz! Partecipa