Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

“Casa3LitriRoma”: risparmio energetico dell’80%

di Roberta Dragone

A breve l’ultimazione del cantiere di Saline di Ostia Antica

18/05/2006 – Sono ormai giunti al termine i lavori per “Casa3LitriRoma” di Saline di Ostia Antica, progetto che prevede la realizzazione di tre nuclei abitativi a basso consumo energetico. Il progetto, il cui cantiere è stato inaugurato il 19 dicembre scorso, si inserisce nell’ambito del programma europeo “Solar Building Exhibition” – iniziativa promossa dalla Commissione Europea e finanziata dal Programma Altener 2002 – il cui obiettivo è realizzare e poi rendere noti edifici progettati con l’utilizzo di tecnologie energetiche da fonti rinnovabili (sistemi solari attivi e passivi) e sistemi per il risparmio energetico. Obiettivo del progetto “Casa3LitriRoma” è costruire una casa a basso consumo energetico - solo 30 kWh/m2 annui pari a 3 litri di combustibile per metro quadrato di superficie abitabile all’anno – per ottenere una riduzione pari all’80% dei consumi energetici, delle emissioni di CO2 e delle spese di riscaldamento e raffreddamento estivo rispetto alla media degli standard di costruzione attualmente presenti in Italia. Nel rispetto, pertanto, dei nuovi requisiti introdotti dalla Direttiva Europea del 16 dicembre 2002. Il cantiere “Casa3LitriRoma” di Saline di Ostia Antica porterà a breve alla realizzazione di una costruzione composta da tre unità abitative, che sarà successivamente monitorata attraverso appositi rilevatori che ne verificheranno l’effettivo funzionamento secondo gli obiettivi e gli standard di risparmio energetico previsti dal progetto. Al progetto partecipano dieci aziende di fama internazionale, da sempre impegnate nello sviluppo di innovativi materiali applicati all’edilizia moderna: Basf Italia, Aldes Italia, Ambrotecno Italia, BPB Italia, EHT Italia, fischer Italia, Lape, maxit Italia, Sto Italia e Veka. Un’attenta progettazione e l’utilizzo di avanzati sistemi di protezione termica integrale consentiranno a “Casa3LitriRoma” di raggiungere l’ambizioso obiettivo di risparmio energetico. Sono stati impiegati particolari pannelli di polistirene ad alto assorbimento infrarosso di ultima generazione per ottimizzare il comfort abitativo; un intonaco per interni a cambiamento di fase con ritenzione di calore in grado di trattenere e/o rilasciare adeguatamente il calore; speciali infissi in PVC; un sistema di ventilazione meccanica controllata igroregolabile e un impianto di riscaldamento a pavimento; sistemi di partizione di interni con tecnologia a secco che utilizzano strutture metalliche, gesso rivestito e isolante in intercapedine. Il termine “Casa 3 Litri” è stato coniato da Basf riprendendo un modo di dire condiviso nel mondo dell'auto. Alla fine degli anni '90, Basf iniziò a parlare di edifici da 7, 3, 1 Litri, riferendosi ai litri di combustibile consumati all’anno per metro quadrato dalle diverse abitazioni del quartiere di Ludwigshafen.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Partecipa