Carrello 0
Aper presenta le linee guida regionali per impianti eolici
RISPARMIO ENERGETICO

Aper presenta le linee guida regionali per impianti eolici

di

Confronto tra produttori di energia rinnovabile e funzionari regionali

16/06/2006 - Si è svolta martedì 13 giugno presso la sede della Conferenza dei Presidenti delle Regioni (CINSEDO – Roma) una mattinata di approfondimento sul complesso quadro giuridico-amministrativo di approvazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili. La riunione, presieduta dall’ing. Luciano Calvarese, funzionario della Regione Marche che ricopre il ruolo di capofila per le questioni attinenti l’energia, è stata promossa da APER – Associazione Produttori Energia da fonti Rinnovabili, ed ospitata dalla sede dei Presidenti delle Regioni, alla presenza, oltre che di un funzionario del ministero dello Sviluppo Economico, da oltre 22 funzionari in rappresentanza di 14 Regioni, due province Autonome e una Provincia a statuto ordinario. Il tema delle procedure per l’autorizzazione alla costruzione ed esercizio di impianti rinnovabili è stato accolto con molto interesse dai funzionari regionali, come testimonia la folta rappresentanza regionale; la mattinata è stata infatti caratterizzata da un confronto tra i produttori di energia rinnovabile, rappresentati da APER, e i funzionari regionali, sul tema delle difficoltà nella completa applicazione della cosiddetta “Procedura semplificata”, introdotta con l’art. 12 del Decreto 387/2003. In particolare il tema degli approfondimenti giuridici nell’ambito delle fonti rinnovabili è stato delineato anche grazie dall’intervento di dei legali degli studi “Bucello Croci Piscitelli Viola” e “Avvocati Conte”, cui si appoggia l’Associazione, che hanno illustrato le più comuni problematiche riscontrate nell’esperienza quotidiana. In particolari i temi di maggior rilievo sono stati i seguenti: la compatibilità dello strumento urbanistico con le finalità operativa degli impianti rinnovabili, soprattutto per quanto concerne l’eventualità di applicazione della disciplina degli espropri; la necessità di fondere in un’unica procedura armonizzata, nell’ambito dello strumento della Conferenza dei Servizi, tutte le autorizzazioni necessarie, ivi comprese le concessioni idroelettriche e le autorizzazioni per gli allacciamenti alla rete elettrica; il tema delle compensazioni ambientali e della presunta irregolarità di gare comunali indette su terreni privati; la tematica delle autorizzazioni semplificate per impianti di microgenerazione; infine il tema della suddivisione, a livello regionale, degli obiettivi per le rinnovabili previsti a livello nazionale, ipotizzando meccanismi di burden sharing. Infine l’Associazione ha presentato un CD contenente una raccolta organizzata delle normative regionali riguardanti l’inserimento degli impianti eolici nel territorio, a testimonianza del lavoro svolto in questi anni di presenza anche a livello territoriale. Tutte le tematiche sono comunque state permeate dalla necessità di un atto di indirizzo comune alle Regioni e Province Autonome che, come previsto dall’art. 12 del Decreto 387/2003, sarebbe dovuto giungere alla Conferenza Unificata su proposta dei Ministeri delle Attività produttive, Ambiente e Beni Culturali: purtroppo il mancato pronunciamento di questo ultimo Ministero sul documento già licenziato dai primi due ha definitivamente bloccato i lavori fino allo scadere della precedente Legislatura. A seguito della ripresa dei lavori parlamentari, nella giornata di ieri si è deciso di dare nuovo impulso al perfezionamento del procedimento autorizzatorio regionale per le fonti rinnovabili, riallacciandosi peraltro al Disegno di Legge sull’energia, istituendo un gruppo di lavoro in seno alle Regioni e ai funzionari dei ministeri preposti. In allegato sono disponibili le osservazioni allo schema di provvedimento sull’energia, un abstract delle Linee guida, ed un quadro relativo alle potenzialità regionali.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati