Carrello 0
Arabia saudita: nuova sede O.I.C. a Jeddah
RISULTATI

Arabia saudita: nuova sede O.I.C. a Jeddah

di Cecilia Di Marzo

Vincono luci, trasparenze e atmosfere suggestive

23/06/2006 – Il Concorso internazionale di progettazione della Nuova Sede dell’O.I.C. – Organization of islamic Conferences a Jeddah in Arabia Saudita, è stato vinto ex-aequo dagli architetti Bramberger Architects & Atelier Thomas Pucher (Austria) e Burckhardt & partner (Svizzera). Per il team composto da Alfred Bramberger e Thomas Pucher il nuovo O.I.C. headquarter sarà un “segno” universale, un simbolo di luce per il mondo intero. Il progetto è composto di due parti. La prima è una torre, una sorta di minareto , che ospita la sezione uffici e che offre ad ognuno di essi una vista che possa essere di ispirazione; la seconda è un paesaggio tipo giardino, che ospita l’area conferenze, gli ingressi e le enormi zone di svago. La superficie “tessile” della torre – una sovrapposizione di membrane - in relazione all'uso scenico di luce naturale e artificiale, fa sì che la costruzione diventi un enorme “oggetto di luce” e, quindi, oggetto stesso del paesaggio. Emerge dal suolo e si fonde con il cielo a 160m di altezza. La cupola La hall principale della costruzione è progettata come una cupola gigante all'interno della torre - un riferimento all’antica architettura islamica. La cupola costituisce l’atrio e occupa tutta la larghezza della torre. In estate, quando il sole è allo zenit, i raggi splendono attraverso l’intero edificio fino al pavimento creando uno spettacolo di grande effetto. Il giardino Il giardino copre l’intero sito. Intreccia spazi interni ed esterni in un insieme ispirato alla natura. La struttura del giardino è composta da onde di cemento “galleggianti”, a forma di dune di sabbia, che si trasformano in un pattern geometrico tridimensionale a formare pavimenti, pareti e soffitti. La vegetazione e l’area conferenze coincidono in modo da offuscare i limiti fra natura e l'ambiente artificiale. La “Hall Gigante” e l’area conferenze sono collegate al giardino, che offre loro l'acqua fresca, aria, verde e luce naturale, così come ombra e aria fresca. Studiando e sviluppando i sistemi messi a punto nei secoli dall’architettura islamica, sono stati utilizzati sistemi per il risparmio energetico e per creare, filtrando i raggi solari, un microclima ideale all’interno dell’edificio.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
bei rendering

bei rendering