Carrello 0
SICUREZZA

Sicurezza sul lavoro, un “pacchetto” dal Governo

di Rossella Calabrese
Commenti 7105

E i sindacati propongono la “patente a punti” per le imprese

Vedi Aggiornamento del 25/01/2008
Commenti 7105
21/07/2006 - In un incontro tenutosi alcuni giorni fa con il Ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro, i rappresentanti dei sindacati edili Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil hanno espresso il proprio apprezzamento per gli emendamenti del Governo al Decreto Bersani (DL 223/2006) in materia di sicurezza sul lavoro. Si tratta – ricordiamo – del cosiddetto "pacchetto sicurezza", messo a punto dai Ministri del Lavoro Damiano, e delle Infrastrutture Di Pietro, indirizzato prevalentemente al settore dell’edilizia, che prevede, tra le altre cose, il sequestro del cantiere qualora venga accertata una presenza di lavoratori in nero superiore al 20% e l’obbligo di comunicare l’assunzione del lavoratore almeno un giorno prima dell’inizio della prestazione. I sindacati hanno suggerito alcune integrazioni alle proposte emendative del Governo, chiedendo, ad esempio, di considerare come lavoratori regolarmente occupati nel cantiere anche i dipendenti delle imprese subaffidatarie: sul totale generale dei lavoratori andrà valutata la percentuale di irregolari che, in caso di superamento del 20%, farà scattare il sequestro del cantiere. Viene chiesto, inoltre, di chiarire che cosa si intende per regolarizzazione dei lavoratori e di coordinare la disposizione con la modifica della Legge Bossi-Fini in materia di lavoratori stranieri. A queste misure, i sindacati hanno proposto di aggiungere un meccanismo che premi le imprese che dimostrino nel tempo di rispettare le norme a tutela del lavoro e della sicurezza: una sorta di “patente a punti” che escluda dal mercato le imprese che, non rispettando le norme sulla sicurezza, fanno concorrenza sleale.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Il programma del Governo Conte bis. Come realizzarlo? Partecipa