Carrello 0
NORMATIVA

Legge Bersani: tutte le novità dal 1° ottobre

di Rossella Calabrese
Commenti 31554

Versamenti on-line, tesserino nei cantieri edili, ristrutturazioni

Vedi Aggiornamento del 15/06/2007
Commenti 31554
29/09/2006 - Sono diverse le novità legislative introdotte dalla legge Bersani-Visco (L. 248/2006) che entreranno in vigore il 1° ottobre prossimo. Riepiloghiamo quelle di interesse per il settore edile e per i professionisti: Versamenti on-line (art. 37, comma 49) I titolari di partita IVA devono utilizzare, anche tramite intermediari, modalità di pagamento telematiche per i versamenti fiscali, contributivi e previdenziali. La novità riguarda quindi professionisti e imprese, anche individuali, che potranno compilare il modello F24 ed effettuare i relativi pagamenti attraverso due modalità: autonomamente con Entratel o Fisconline o ricorrendo ai servizi di remote banking offerti dagli istituti di credito; tramite intermediari abilitati a Entratel che aderiscono alla specifica convenzione con l’Agenzia delle Entrate o che si avvalgono dei predetti servizi di remote banking. Tessera di riconoscimento nei cantieri edili (art. 36-bis, comma 3) Il personale deve essere munito di tessera di riconoscimento corredata di fotografia, che riporti le generalità del lavoratore. L’obbligo riguarda anche i lavoratori autonomi che esercitano la propria attività nei cantieri, che devono provvedervi per proprio conto. Se i dipendenti sono meno di 10, è sufficiente annotarne i dati su un registro di cantiere. Ristrutturazioni edilizie (art. 35, commi 35-ter e 35-quater) Sugli interventi di recupero del patrimonio edilizio, l’aliquota Iva passa dal 20 al 10% mentre la detrazione Irpef viene ridotta dal 41 al 36%. Tale disposizione ha validità dal 1° ottobre al 12 dicembre 2006. L’applicazione di tali agevolazioni è subordinata alla condizione che nella fattura emessa dal soggetto che esegue l’intervento venga esposto separatamente il costo della manodopera (art. 35 comma 19). La mancanza di indicazioni in fattura su quest'ultima determina la perdita dell'agevolazione. Il limite di spesa è fissato in 48.000 euro per ogni singola abitazione. Per saperne di più leggi le news allegate sotto.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui