Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Rincari dei materiali da costruzione, come richiedere le compensazioni
LAVORI PUBBLICI Rincari dei materiali da costruzione, come richiedere le compensazioni
NORMATIVA

Professioni, gli Ordini organizzano la protesta

di Rossella Calabrese

Il 12 ottobre manifestazione contro la legge Bersani; comunicazioni del Cnappc dopo l’abolizione dei minimi tariffari

Vedi Aggiornamento del 06/11/2006
14/09/2006 - È prevista per oggi la riunione del Comitato Unitario delle Professioni (CUP) per definire le iniziative da mettere in campo contro la legge Bersani ( n. 248/2006 ) sulle liberalizzazioni, anche in vista della manifestazione nazionale fissata per il 12 ottobre prossimo. Il Cup, inoltre, proporrà un’iniziativa di legge popolare di riforma degli Ordini, con l’obiettivo di presentare in parlamento 50 mila firme, “a dimostrazione che gli ordini vogliono la riforma”. Ma il Ministero della Giustizia non resta a guardare: inizieranno domani gli incontri con le categorie per la valutazione degli effetti del decreto Bersani sulle professioni. Valutazioni che gli Ordini stanno già facendo. Dopo gli ingegneri, riuniti in congresso a Treviso la scorsa settimana, anche gli architetti organizzano la protesta contro la legge Bersani. Il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori ha diramato, il 7 settembre scorso, la Determinazione n. 2/2006 che fornisce indicazioni sul regime dei compensi professionali a seguito dell’entrata in vigore della legge 248/2006. Il documento fa notare che la legge 248/2006, diversamente da quanto originariamente disposto dal decreto-legge 223/2006, non abroga le disposizioni che fissano le tariffe, minime e fisse, ma piuttosto, la loro “obbligatorietà” (ove prevista). Se ne deduce – continua il documento del CNAPPC - che quanto previsto dalla legge n. 143/1958 (Norme sulla tariffa degli ingegneri e degli architetti) è tutt’ora vigente con riferimento. Considerazioni molto approfondite sono svolte anche sulle società di professionisti. Una ricognizione sulle tappe recenti dell’ordinamento professionale è contenuta invece nella lettera del Presidente del CNAPPC, Raffaele Sirica, agli iscritti. Partendo dallo scenario determinato dai recenti provvedimenti, il documento delinea le sfide dei prossimi anni, mettendo in guardia dalle “spinte falsamente innovatrici” e dal “latente vento ideologico radical-liberista” che incombono sul lavoro degli Ordini. Segue un vero e proprio programma per i prossimi anni, elaborato tenendo conto anche della recente “scossa” dovuta al decreto Bersani.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
luciano

ABOLIZIONE dell'ESAME DI STATO Quando si parla di libera professione, bisognerebbe cosa si intende. Dopo la tesi secondo bisogna ancora sostenere l'esame di Stato, vi chiedo: a cosa serve?, chi lo supera diventa più preparato?, Io lavoro da tanti anni con Architetti anche famosi che fanno parte anche di certi colleggi, ma non sono così tanto bravi. Libera professione vuole dire che tutti dopo la Tesi deve, se vuole poter esercitare la libera professione come succede in altri Paesi, dunque bisogna abolire solo L'ESAME DI STATO.