Carrello 0
Zaha Hadid svela il progetto per il “Pierres Vives”, Francia
ARCHITETTURA

Zaha Hadid svela il progetto per il “Pierres Vives”, Francia

di Roberta Dragone

Nuovo complesso di istituzioni del dipartimento dell’Hérault

04/10/2006 - L’architetto anglo-irachena Zaha Hadid svela il progetto per il “Pierres Vives”, il nuovo complesso del dipartimento dell’Hérault destinato a sorgere al confine del capoluogo Montpellier, in Francia. La struttura ospiterà la nuova “città amministrativa”, e racchiuderà in un unico involucro tre istituzioni del governo regionale: gli archivi, la biblioteca ed il dipartimento sportivo. L’inconfondibile geometria del complesso sembra trovare ispirazione nel concetto di “albero della conoscenza”, di cui l’architetto Hadid fa il diagramma organizzativo del progetto. Gli archivi sono infatti sistemati all’interno di un solido piano che evoca la base di un massiccio albero; quest’ultima regge la più esile e porosa struttura della biblioteca sino ad arrivare ai luminosi uffici del dipartimento sportivo alla sommità della struttura, dove il tronco si biforca diventando più leggero. Le varie porzioni del polo amministrativo hanno in comune diverse funzioni sistemate nel cuore della struttura, con auditorium e sale d’incontro uniti da un’unica ed enorme calotta a sbalzo che accoglie i visitatori all’entrata principale. I rami esterni al tronco principale articolano le entrate alle diverse istituzioni. Tutti gli ingressi aperti al pubblico sono concentrati sul lato ovest dell’edificio, mentre le entrate di servizio per lo staff e i depositi sono sistemati sul lato est. Ecco in che modo la professionista anglo-irachena sfrutta l’analogia del tronco-albero per articolare tutta la complessità della “città amministrativa”. Un ampio parcheggio troverà spazio di fronte l’entrata principale. L’accesso di servizio è sistemato lungo il lato opposto. Tale divisione longitudinale tra gli spazi di servizio e quelli per il pubblico è mantenuta al piano terra per tutta la lunghezza della struttura. Il lato principale dell’edificio accoglie le funzioni pubbliche di tutte e tre le istituzioni, collegate tra loro da una hall lineare e da uno spazio espositivo centrale. Servizi, depositi ed aree adibite a garage sono invece sistemati sul lato posteriore dell’edificio. Al piano superiore le tre istituzioni rimangono rigorosamente separate. Ognuna di loro dispone di una modalità di circolazione interna verticale indipendente. Entrati nell’edificio attraverso l’accesso principale, i visitatori sono guidati dalla hall agli archivi del piano terra, collegati da scale e ascensori all’arteria pubblica principale del primo piano che percorre l’intera lunghezza dell’edificio. L’inizio dei lavori di realizzazione è atteso entro la fine di quest’anno. La data presunta di ultimazione lavori è stata fissata al 2009.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati