Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus facciate, ecco la Guida
NORMATIVA Bonus facciate, ecco la Guida
AZIENDE

Trevi: concluso con successo il recupero dei Buddha in Afghanistan

di

Consolidamento delle nicchie ove erano posizionate le famose statue

Commenti 2996
13/12/2006 - Il Gruppo Trevi, attraverso la controllata Trevi SpA di Cesena, ha portato a termine nei giorni scorsi la seconda fase di consolidamento delle nicchie ove erano posizionate le famose statue di Buddha, distrutte nel corso del 2001. I Buddha di Bamiyan, scolpiti su una parete rocciosa calcarea nella parte centrale dell’Afghanistan, sono le più grandi statue buddiste al mondo. Risalgono ad un periodo fra il V ed il IX Secolo d.C. e si ergono per più di 50 m d’altezza (Big Buddha) e 35 m (Small Buddha). L’Unesco ha dichiarato il sito di Bamiyan patrimonio dell’Umanità e per questo sta studiando i metodi e le azioni necessarie per preservare la parte rimanente e ricostruire, ove fattibile, le sculture in rilievo. Trevi è stata chiamata ad intervenire alle prime e più urgenti operazioni necessarie al ripristino e stabilizzazione delle pareti rocciose, portando a termine in tre fasi, dal 2003 ad oggi, il consolidamento delle pareti rocciose del Piccolo e Grande Buddha. L’intervento di consolidamento è consistito nell’installazione di un sistema di monitoraggio delle fessure più aperte, l’installazione di ancoraggi e chiodature ed il fissaggio temporaneo di alcuni blocchi con una rete di funi d’acciaio e con travi metalliche di contrasto. L’intervento, finanziato dal Governo Giapponese, è perfettamente riuscito, ricevendo i complimenti dai tecnici dell’Unesco e ribadisce ancora una volta, l’alta capacità tecnologica e fiducia che il Gruppo Trevi ha saputo creare nel mondo, nei suoi 50 anni di vita. A proposito di Trevi Il Gruppo Trevi è leader a livello mondiale nell’ingegneria del sottosuolo (fondazioni speciali, scavo di gallerie e consolidamenti del terreno e realizzazione e commercializzazione dei macchinari e delle attrezzature specialistiche del settore); è anche attivo nel settore delle perforazioni (petrolio, gas, acqua) sia come produzione di impianti che come servizi prestati e nella realizzazione di parcheggi sotterranei automatizzati. Nato a Cesena nel 1957 conta oggi 21 sedi in altrettanti paesi. Il successo del Gruppo Trevi si basa sull'integrazione verticale tra le divisioni costituenti il Gruppo: la Divisione Trevi, che opera nei servizi specializzati dell'ingegneria del sottosuolo e di perforazione, la Divisione Soilmec, che produce e sviluppa i macchinari e gli impianti per l'ingegneria del sottosuolo, Drillmec S.p.A. che produce e sviluppa gli impianti per le perforazioni (petrolio, gas, acqua). La capogruppo è quotata alla Borsa di Milano dal mese di luglio 1999. I ricavi totali nel 2005 sono stati pari 496,6 milioni €. www.Trevifin.com Per ulteriori informazioni: Investor Relations: Stefano Campana 0547 319 411 [email protected] Ufficio Stampa: Studio Mailander 011 5527 311 Bruno Caprioli 3355901402 Carolina Mailander 335 6555651

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Liguria, quali scenari si aprono per architetture e cantieri? Partecipa