Network
Pubblica i tuoi prodotti
Efficienza energetica: l'Alto Adige modello per l'Italia

Efficienza energetica: l'Alto Adige modello per l'Italia

Risparmio energetico in edilizia e politiche ambientali nei buoni propositi del Governo per il nuovo anno

Vedi Aggiornamento del 09/01/2007
di Rossella Calabrese
Vedi Aggiornamento del 09/01/2007
04/01/2007 - "È ormai il tempo di introdurre la certificazione energetica per gli edifici . Il costo di una casa non dovrà essere misurato solo dal prezzo di acquisto ma anche dalle spese che bisognerà sostenere per l'energia elettrica e per i riscaldamenti".

Lo ha scritto il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, sul suo sito internet in un documento dal titolo ambizioso “La rivoluzione del 2007” nel quale illustra i suoi “proponimenti per il nuovo anno”.

“In materia di riscaldamenti nelle case - scrive Pecoraro Scanio - l'Italia dovrà avere una legge come quella dell'Alto Adige. Infatti le norme approvate nel Sud Tirolo sono le più efficienti in materia di risparmio energetico e quindi vanno estese a tutta l'Italia. In Alto Adige si consumano 6 o 7 litri di gasolio per assicurare il riscaldamento ad un appartamento di 100mq. Nelle altre regioni italiane, dove peraltro fa pure meno freddo, se ne consumano invece 20 litri”.

Il Ministro rinnova, inoltre, l’impegno sul fronte della riduzione delle emissioni di gas serra imposta dal protocollo di Kyoto, concentrandosi su due temi in particolare, i trasporti e l’edilizia , e prospettando i tagli alle emissioni che si potranno realizzare producendo energia da fonti rinnovabili e utilizzandola nel condizionamento termico, e migliorando l’efficienza energetica nel riscaldamento degli edifici.

Vengono ricordate le misure introdotte con la Finanziaria : la detrazione fiscale del 55% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici e lo stanziamento di 45 milioni di euro nel triennio 2007-2009 per la costruzione di edifici con un fabbisogno energetico più basso di almeno il 50% di quello attuale. Sul fronte della mobilità va ripensata - secondo Pecoraro Scanio - la politica dei trasporti pubblici, vanno ridotte le grandi opere, che hanno costi altissimi, e privilegiati e gli interventi che costano meno e che danno risposte immediate ai cittadini.

L’intervento del Ministro segue di poche ore la conferenza stampa di fine anno del Presidente del Consiglio, Romano Prodi , nella quale è stata affermata la centralità delle politiche ambientali nell'azione di governo. Una nuova politica ambientale “per la qualità della vita nelle città e per la riqualificazione del territorio che è il bene più prezioso del nostro Paese” ha detto il Presidente Prodi, che ha anche annunciato “un grande progetto per il risparmio di energia e per le energie alternative, che sarà accompagnato da una politica edilizia e da incentivi alla ricerca in questo settore”.


Nella foto: Edificio unifamiliare CasaClima Gold a Trodena www.provincia.bz.it
Le più lette