Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, ecco il modulo unico CILAS
NORMATIVA Superbonus 110%, ecco il modulo unico CILAS
LAVORI PUBBLICI

Codice appalti: in Gazzetta Ufficiale le prime modifiche

di Rossella Calabrese

Slittano al 1° agosto 2007 le norme su dialogo competitivo e appalto integrato. Avvalimento già in vigore da febbraio

Vedi Aggiornamento del 26/04/2013
Commenti 20535
05/02/2007 - E' stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 31 gennaio scorso, il primo dei decreti correttivi, messi a punto dal Ministero delle Infrastrutture, che modifica il Codice degli appalti pubblici. Il Decreto Legislativo n. 6 del 26 gennaio 2007 all’articolo 1 dispone la proroga dal 1° febbraio al 1° agosto 2007 delle norme relative a: - centrali di committenza (art. 33) - dialogo competitivo (art. 58) - accordo quadro nei settori ordinari (art. 59) - appalto integrato nei settori ordinari (art. 53, commi 2 e 3) - ampliamento della trattativa privata ( artt. 56 e 57) Viene invece soppressa la proroga dell’entrata in vigore (disposta dal DL 173/2006 convert. nella legge 228/2006) che prevedeva il divieto per l'impresa ausiliaria di assumere il ruolo di appaltatore o di subappaltatore in caso di avvalimento (art. 49, comma 10); di conseguenza questa possibilità sarà operativa dal 15 febbraio. Il comma 3 dell’art. 1 precisa poi che, ferme le suddette proroghe, le abrogazioni disposte dal Codice relativamente agli istituti citati, sono sospese fino al 31 luglio 2007. L’art. 2 (disposizioni correttive) apporta alcune correzioni formali e introduce la possibilità di nominare Responsabile Unico del Procedimento anche un dipendente non di ruolo, in caso di carenza di dipendenti di ruolo in possesso di professionalità adeguate. Viene inserita, all’art. 49 comma 10 del Codice, la possibilità per l'impresa ausiliaria di assumere il ruolo di subappaltatore. Ricordiamo che su questo tema era intervenuto il Consiglio di Stato che aveva bocciato la preclusione all’impresa ausiliaria della possibilità di essere subappaltatore. L’art. 3 reca numerose disposizioni di coordinamento mentre l’art. 4 è dedicato alle disposizioni finanziarie. Ricordiamo, infine, che altre modifiche al Codice, di maggiore consistenza, saranno apportate con un secondo decreto correttivo , approvato in via preliminare dal CdM del 25 gennaio scorso, che interviene su: procedura negoziata con e senza bando, accordi quadro, vigilanza sui contratti pubblici, sicurezza sul lavoro e Soa.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui