Carrello 0
Vendita case Iacp: illegittima la Finanziaria 2006
NORMATIVA

Vendita case Iacp: illegittima la Finanziaria 2006

Commenti 6141

Ingerenza dello Stato nella potestà legislativa delle Regioni

Commenti 6141
23/03/2007 - Con la sentenza n. 94 del 21 marzo 2007, la Corte Costituzionale ha dichiarato incostituzionali le norme contenute nella Finanziaria 2006 che disponevano la semplificazione delle procedure per vendere gli immobili di proprietà degli IACP. Le risorse derivanti dall’alienazione sarebbero state destinate alla realizzazione di nuovi alloggi, alle giovani coppie per l’acquisto della prima casa, al recupero sociale dei quartieri degradati e alle famiglie in particolare stato di bisogno. Le Regioni Toscana, Veneto, Valle d'Aosta, Piemonte, Liguria, Emilia-Romagna e Friuli-Venezia Giulia hanno presentato ricorso contro i commi 597, 598, 599 e 600 della legge 23 dicembre 2005, n. 266 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato) per violazione dell’art. 117, quarto e sesto comma della Costituzione. Secondo le Regioni, infatti, “non spetterebbe allo Stato, bensì alle Regioni, dettare la disciplina delle procedure semplificate per la dismissione dei beni di proprietà degli Istituti autonomi per le case popolari”. L’alienazione degli immobili di proprietà degli IACP rientra – obiettano le Regioni – nella materia dell’edilizia residenziale pubblica, di potestà legislativa della Regione. La Corte Costituzionale ha accolto i ricorsi, rilevando una ingerenza nell’ambito di normazione riguardante l’edilizia residenziale pubblica, “sicuramente ricompreso nella potestà legislativa residuale delle Regioni, ai sensi del quarto comma dell'art. 117 Cost.”.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa