Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Ristrutturazioni, nuove costruzioni e cambi d’uso, più chance di intervento
RISTRUTTURAZIONE Ristrutturazioni, nuove costruzioni e cambi d’uso, più chance di intervento
LAVORI PUBBLICI

Piemonte, una legge per snellire gli appalti pubblici

Lavori più rapidi e niente contributi a chi viola le norme sulla sicurezza

Vedi Aggiornamento del 27/11/2007
Commenti 5390
23/04/2007 - La Giunta regionale del Piemonte ha approvato un disegno di legge che semplificherà le procedure degli appalti pubblici al fine di garantire una più rapida conclusione delle opere, migliorando la sicurezza del lavoro nei cantieri. Proprio sul tema della sicurezza la Regione Piemonte ha voluto dare importanti segnali di novità: “Nel caso di lavori pubblici realizzati con il concorso finanziario della Regione, qualora i competenti organi di vigilanza accertino violazioni delle norme sulla sicurezza, la Regione può disporre la revoca dei finanziamenti ” sottolinea l’assessore ai lavori pubblici, Bruna Sibille. Con questo disegno di legge la Regione istituisce strumenti e misure di incentivazione a favore degli operatori economici che adottino procedure finalizzate all’incremento dei livelli minimi di tutela della salute e della sicurezza rispetto a quelle previste dalla legislazione vigente in materia. La Regione promuove infine la realizzazione di corsi di formazione e aggiornamento in tema di sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri, la prevenzione degli infortuni, l’igiene negli ambienti di lavoro nonché di una normativa tecnico-amministrativa di settore. I destinatari dei corsi e le modalità di predisposizione e gestione degli stessi saranno specificati in un apposito regolamento. Tra gli aspetti del disegno di legge che hanno l’obiettivo di una più rapida conclusione delle opere pubbliche attraverso forme di semplificazione e snellimento procedurale si segnalano: - previsione di una conferenza dei servizi alla quale è connesso l’effetto di produrre automaticamente le varianti urbanistiche necessarie per l’esecuzione dei progetti; - procedure di erogazione di finanziamenti e contributi meno rigide di quelle attualmente in vigore; - adeguamento della struttura organizzativa degli enti, attraverso la previsione di forme di collaborazione tra le pubbliche amministrazioni, di incentivazione all'associazionismo locale e all'acquisizione di sistemi di qualità secondo le norme UNI EN ISO 9000; - l’affidamento degli incarichi di progettazione di importo inferiore a 100.000 euro, può essere fatto attraverso procedura negoziata senza pubblicazione di bando interpellando almeno cinque candidati e, se l’importo della prestazione è inferiore a 20.000 euro, le amministrazioni locali possono ricorrere all’affidamento diretto secondo le disposizioni per gli affidamenti in economia; - per i lavori di importo pari o inferiore a 150.000 euro, per i quali non vi è l’obbligo di qualificazione per l’impresa, e il possesso dei requisiti di ordine tecnico-organizzativo viene dimostrato con l'iscrizione alla Camera di commercio e il possesso dei requisiti di carattere generale attraverso il documento unico di regolarità contributiva (DURC); - l’obbligo di verifica delle offerte anomale è previsto per gli appalti di importo superiore ai 2.500.000 di euro; - per i lavori in economia è prevista una soglia massima di 300.000 euro e, in caso di esecuzione in amministrazione diretta, possono essere eseguiti senza limite di importo i lavori di manutenzione forestale, manutenzione idraulico forestale, sistemazione montana, bonifiche agrarie e simili; - divieto di subappalto a imprese che abbiano partecipato alla gara per l'affidamento del lavoro. Il disegno di legge appena approvato prevede infine l’istituzione della commissione regionale dei lavori pubblici come organo consultivo interno della Giunta, a composizione totalmente interna, per l’espressione di pareri su particolari progetti e, in generale, in materia di opere e lavori pubblici. Fonte: www.regione.piemonte.it

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui