Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Riduzione livelli progettazione, CAM, revisione prezzi dei materiali: ok della Camera al ddl Delega Appalti
LAVORI PUBBLICI Riduzione livelli progettazione, CAM, revisione prezzi dei materiali: ok della Camera al ddl Delega Appalti
TOPOGRAFIA

Riclassamento degli immobili in categoria “E”

di Rossella Calabrese

Ulteriori chiarimenti in una circolare dell’Agenzia del Territorio

17/04/2007 - L’Agenzia del Territorio ha emanato la Circolare n. 4/2007 che fornisce le istruzioni operative per il riclassamento (previsto dai commi 40 e 41 dell’art. 2 del D.L. 3 ottobre 2006, n. 262 convertito con modificazioni nella Legge 24 novembre 2006 n. 286) degli immobili destinati ad uso commerciale, industriale o ad ufficio privato, situati in stazioni, aeroporti, aree mercatali, ecc. Il DL 262/2006 (decreto fiscale) ha infatti previsto che gli immobili o loro porzioni destinati ad uso commerciale, industriale, ad ufficio privato, ovvero ad usi diversi, ricompresi nell’ambito di unità immobiliari già iscritte nelle categorie catastali E/1, E/2, E/3, E/4, E/5, E/6 ed E/9, siano censiti in catasto come unità immobiliari autonome in altra appropriata categoria di un diverso gruppo, qualora gli stessi presentino autonomia funzionale e reddituale. La Circolare 4/2007 fornisce indirizzi per il riclassamento, aggiornando quelli vigenti, contenuti nella Circolare 4/2006. Sono state anche predisposte “Linee guida” per il classamento delle unità immobiliari censibili nelle categorie del “Gruppo E” e per l’individuazione degli immobili o delle loro porzioni a diversa destinazione funzionale. La Circolare conferma gli indirizzi tecnici e procedurali fissati dalla 4/2006, concernenti le unità immobiliari a destinazione particolare: a) di tipo complesso, in quanto comprendenti diverse attività (fiere, stazioni di trasporto terrestri dove sono normalmente presenti oltre al servizio di trasporto, zone ad uso commerciale, ad ufficio, ecc.); b) di tipo semplice (edicola per la rivendita di giornali e riviste, impianti di erogazione di carburante quando circoscritti alla sola “Area OIL”, coincidente, di massima, con il settore adibito alla sola vendita di carburanti o lubrificanti). Infine, vengono richiamati gli adempimenti a carico dei soggetti titolari di diritti reali sugli immobili in argomento, i quali - entro nove mesi dall’entrata in vigore del decreto fiscale (scadenza 3 luglio 2007) – dovranno presentare la dichiarazione di variazione agli uffici competenti dell’Agenzia del Territorio.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione