Carrello 0
Approvato il nuovo Regolamento LIFE+
URBANISTICA

Approvato il nuovo Regolamento LIFE+

Un miliardo e 900 mln di Euro per politica ambientale e comunicazione

03/04/2007 - Lo scorso 27 marzo il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Unione europea hanno raggiunto un accordo sul nuovo Strumento finanziario per l’Ambiente, la cui dotazione finanziaria ammonta, per il periodo compreso tra il 1° gennaio 2007 ed il 31 dicembre 2013, a poco meno di un miliardo e novecento milioni di Euro. I risultati principali dell'accordo sono i seguenti: 1. Gestione centralizzata del budget del Programma; 2. Ripartizione del 78% del bilancio agli Stati Membri con indicative allocazioni annuali; 3. Il 78% del budget sarà dedicato al cofinanziamento dei progetti, mentre il restante 22% verrà utilizzato dalla Commissione per finanziare le organizzazioni non governative che si occupano della protezione dell'ambiente e per assicurare la diffusione di informazioni e la sensibilizzazione alle tematiche ambientali; 4. Il Programma prevede tre componenti: Natura e Biodiversità; Politica ambientale e Governance; Informazione e Comunicazione; 5. Alla prima componente "Natura e Biodiversità" sarà riservata una quota almeno pari al 50% del budget dedicato ai progetti a livello europeo; 6. Il budget complessivo del Programma comunitario per il periodo 2007-2013 è di 1.894.372.000 Euro (ai prezzi del 2004); 7. Almeno il 15% del budget dedicato ai progetti dovrebbe essere utilizzato per cofinanziare progetti transnazionali; 8. Gli Stati Membri avranno un ruolo attivo nella selezione dei progetti sulla base delle proprie priorità nazionali; 9. La Commissione e gli Stati Membri dovranno assicurare il coordinamento e la complementarietà con gli altri strumenti finanziari a livello comunitario, nazionale e regionale. I progetti che potranno essere cofinanziati da LIFE+ sono i seguenti: a) studi, indagini, elaborazione di modelli e di scenari; b) monitoraggio, incluso quello delle foreste; c) assistenza allo sviluppo di capacità; d) formazione, workshop e riunioni, compresa la formazione degli agenti che partecipano a iniziative di prevenzione degli incendi boschivi; e) collegamenti in rete e piattaforme per le migliori pratiche; f) azioni di informazione e comunicazione, comprese campagne di sensibilizzazione e, in particolare, campagne di sensibilizzazione del pubblico sugli incendi boschivi; g) dimostrazione di approcci strategici, tecnologie, metodi e strumenti innovativi; h) specificamente per la componente "Natura e biodiversità": - gestione del sito e delle specie e pianificazione del sito, incluso il miglioramento della coerenza ecologica della rete "Natura 2000"; - monitoraggio dello stato di conservazione, compresa la definizione di procedure e la creazione di strutture per detto monitoraggio; - sviluppo e attuazione di piani d'azione per la conservazione delle specie e degli habitat; - estensione della rete "Natura 2000" alle aree marine; - acquisto di terreni. Il Regolamento entrerà in vigore, al più tardi, entro luglio e pertanto la prima Call sarà pubblicata probabilmente entro la fine di settembre. Fonte: www.minambiente.it
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui