Carrello 0
AZIENDE

Applicazioni geotecniche e caratterizzazione meccanica dell’argilla espansa Leca

di

Laterite pubblica il volume del prof. di Prisco. In allegato un programma di calcolo di supporto alla progettazione

04/05/2007 - L’argilla espansa Leca, aggregato leggero e isolante prodotto dagli anni ’40 in Nord Europa, è stata largamente impiegata per le applicazioni di isolamento termico e alleggerimento di calcestruzzi strutturali e non, di massetti e sottofondi e di blocchi da muratura. Dagli anni ‘70 è stata utilizzata in Scandinavia anche come inerte leggero in interventi di geotecnica per la realizzazione di rilevati stradali, e dai primi anni ‘80 anche In Italia, per realizzare rilevati leggeri su terreni cedevoli e altri alleggerimenti nel campo delle infrastrutture. Oggi l’argilla espansa Leca viene ampiamente utilizzata sia per risolvere piccoli problemi geotecnici che per la realizzazione di grandi opere. Con questo volume, redatto in collaborazione con il professor Claudio Giulio di Prisco del Politecnico di Milano, Laterlite spa analizza le caratteristiche dell’argilla espansa e le sue applicazioni in ambito geotecnico offrendo a tutti gli studi di progettazione strutturale, di geologia, e in generale ai tecnici del settore, la possibilità di affrontare le problematiche geotecniche utilizzando ulteriori e più approfondite informazioni scientifiche, che integrano i dati di laboratorio e quelli sperimentali raccolti in tutte le opere fino ad oggi realizzate. Oltre a sviluppare in modo approfondito argomenti teorici, il volume offre anche un importante risvolto pratico in grado di “accompagnare” il progettista fino alla messa in opera del rilevato. In particolare nella prima parte, dedicata a una descrizione microstrutturale del prodotto, viene analizzato il granulo di argilla espansa nella sua composizione chimica, morfologica e granulometrica, il comportamento meccanico del singolo granulo e il variare delle sue caratteristiche a secondo della dimensione. La seconda analizza il comportamento meccanico dei provini attraverso prove di laboratorio: assorbimento d’acqua, resistenza a compressione, fenomeni di deformazione, e comportamento meccanico a rottura. La terza parte è dedicata all’utilizzo dell’argilla espansa nei rilevati posti su terreni cedevoli e su pendii instabili, e alle modalità costruttive degli stessi. La quarta parte esamina le modalità di posa in opera del materiale ed il suo comportamento durante l’addensamento in sito, mentre l’ultima parte descrive i metodi di controllo riguardanti la posa in opera di strati degli argilla espansa, attraverso l’esecuzione di prove su piastra, per verificare che il materiale sia stato ben addensato. Al libro si accompagna un cd che, oltre al manuale tecnico in formato pdf, contiene tre fogli di calcolo di supporto alla progettazione per valutare i cedimenti previsti in un rilevato con argilla espansa, il fattore di sicurezza nei casi drenati e non, e i metodi di controllo con prova su piastra. Il volume, ricco di significative immagini sulle diverse applicazioni dell’argilla espansa in Italia e all’estero in campo geotecnico, prevede all’interno di ogni capitolo allegati riguardanti una serie di casistiche e prove eseguite in parte direttamente dall’autore, e in parte da istituti nell’arco di 30 anni. Il libro può essere richiesto inviando la richiesta via mail all’indirizzo infogeotecnica@leca.it Claudio Giulio di Prisco Claudio Giulio di Prisco nasce a Milano il 9/11/1964. Nel 1989 consegue la laurea in Ingegneria Civile presso il Politecnico di Milano e dal 2006 ricopre la carica di Professore Ordinario presso il medesimo Ateneo, con docenza nei corsi di Geotecnica e Stabilità dei Pendii. Le sue attività di ricerca riguardano principalmente la modellazione matematica del comportamento meccanico dei terreni granulari, le fondazioni superficiali, le condotte interrate, le opere in terra rinforzata, la stabilità dei pendii ed il problema dell’impatto di blocchi in roccia su coltri detritiche. È autore di oltre 60 articoli dei quali 25 su riviste internazionali. Attualmente è Direttore dell’Associazione Internazionale Alert Geomaterials. La Laterlite spa è la prima azienda produttrice di argilla espansa in Italia. Nasce nel 1966 con lo stabilimento di Parma e la sede commerciale di Milano e inizia così, con successo, la diffusione del marchio Leca in edilizia, allargandone progressivamente il campo di impiego anche in ambito geotecnico e stradale. Da allora Laterlite è cresciuta insieme alla cultura dell’isolamento termico e dell’alleggerimento delle strutture con Leca. Un momento importante in questo percorso è stata l’introduzione agli inizi degli anni ’90 di Lecapiù, l’argilla espansa a basso assorbimento d’acqua da cui è stata sviluppa l’ultima generazione di premiscelati Lecamix per massetti, Lecacem per sottofondi e coperture e calcestruzzi strutturali Leca CLS. Oggi, dopo quarant’anni d’esperienza e più di 30 milioni di metri cubi di Leca prodotti e venduti, Laterlite è leader nel settore dell’argilla espansa e affianca i professionisti dell’edilizia nella scelta delle soluzioni leggere e isolanti. Laterite su Edilportale.com Per informazioni: Ufficio Stampa LATERLITE Sillabario srl Via Benedetto Marcello 77 20149 Milano Roberto Anghinoni cell. 3288188487 sillabariopress@tiscali.it
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati