Carrello 0
Barcellona: la “Digital Pedrera” firmata Ruiz Geli
ARCHITETTURA

Barcellona: la “Digital Pedrera” firmata Ruiz Geli

di Roberta Dragone

Media-Tic, un edificio intelligente ospita un centro per le tecnologie ICT

22/06/2007 - “Come l’architettura stabilisce un nuovo equilibrio con l’utilizzo digitale dell’energia”. È questo il motto che ha ispirato il progetto del “Media-Tic” di Barcellona, ribattezzato “Digital Pedrera”. Si tratta di un edificio eco-sostenibile che sarà in grado di risparmiare sino al 40% di energia grazie all’utilizzo di materiali e tecnologie innovative. Il progetto, realizzato dall’architetto Enric Ruiz Geli , sorgerà all’interno del futuro quartiere tecnologico denominato “22@Barcelona” , ambizioso progetto di trasformazione urbana che prevede lo sviluppo di un’area di circa 3,7 milioni di metri quadrati destinata ad ospitare spazi tecnologici per società all’avanguardia. L’edificio progettato da Ruiz Geli si svilupperà su una superficie complessiva di 23mila metri quadrati ed ospiterà un centro per le tecnologie ICT (Information and Communication Technologies). All’interno troveranno spazio anche uffici, aree espositive, un auditorium con 300 posti a sedere, ristoranti e negozi. Il progetto consiste in una struttura metallica principale a forma di cubo rivestita su tre lati di Efte (Ethylene Tetra Fluor Ethylene). Si tratta di un materiale ibrido, leggero e trasparente, che consente la penetrazione di luce naturale assorbendo inoltre il calore dei raggi solari di cui sfrutta le potenzialità energetiche. All’interno, tuttavia, la temperatura non diventa mai eccessivamente alta grazie ad una capacità di filtraggio ultravioletto pari all’85%. Elastico e resistente al fuoco, l’Efte richiede inoltre poca manutenzione poiché, grazie all'antiaderenza della superficie, si sporca difficilmente. Tratto distintivo del progetto sono dei “rigonfiamenti” sulle facciate rivestite in Efte. Si tratta di “cuscini d’aria”, cui si dà forma per mezzo di un sistema pneumatico, che assolvono alla funzione di isolamento termico creando al tempo stesso zone di ombra sulla superficie. Tale sistema di cuscini gonfiabili – che ricorda l’architettura organica di Gaudì, da cui “digital Pedrera” (il soprannome dato a Casa Mila) - consente di gestire l’esposizione dell’intera facciata semplicemente mediante il movimento dell’aria. La realizzazione del Media-Tic, per il quale è prevista una spesa di 24 milioni di euro, è attesa entro gennaio 2009. Animazione Presentazione
Animazione pattern facciata
Animazione controllo ombreggiamento
Animazione membrana
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati