Carrello 0
Un edificio “verde” per il Miami Dade College
ARCHITETTURA

Un edificio “verde” per il Miami Dade College

di Roberta Dragone
Commenti 4984

Il progetto porta la firma di Chad Oppenheim

Vedi Aggiornamento del 04/12/2008
Commenti 4984
11/06/2007 – Chad Oppenheim , l’autore del “Cor Building” di Miami , firma un nuovo edificio verde per la città. Si tratta del “College Station” , un edificio ecosostenibile che fungerà da nuovo ingresso alla struttura che ospita l’Arts & Humanities Center presso il Miami Dade College (MDC) . L’audace progetto per il College Station si compone di due torri tra loro collegate alla base ed in cima in modo da formare un portale destinato a diventare uno degli accessi al campus. La connessione delle due torri, che si sviluppano su una base comune, avviene attraverso una sorta di “ramificazione” dei due volumi in cima, secondo un disegno che ricorda la figura degli alberi baniani particolarmente diffusi a Miami. La geometria quadrangolare dell’edificio appare quindi scavata al centro; scelta che consente di sfruttare al massimo l’apertura degli spazi nonché di godere della vista sul vicino Arts & Humanities Center. L’edificio si sviluppa su una superficie complessiva di186mila metri quadrati circa, di cui oltre 23mila destinati alle attività di formazione. All’interno troveranno spazio aule, alloggi per studenti, un auditorium con 500 posti a sedere, un museo di 2800 metri quadrati, ed il “Arts Quad”, uno spazio all’aperto di 3800 metri quadrati in cui l’edificio ed il tessuto urbano appaiono uniti in una area pubblica di grande dimensioni. Il College Station ospiterà inoltre una struttura con 1200 unità abitative da affittare, una piscina olimpionica, un centro fitness, un centro congressi, 14mila metri quadrati di spazi commerciali e oltre 23mila di uffici. Esternamente la struttura appare composta da una serie di venature in acciaio che danno forma ad un elegante esoscheletro che accresce l’efficienza energetica dell’edificio eludendo al tempo stesso il problema della insufficienza di spazi all’interno. Il progetto di Chad Oppenheim rispetta inoltre i criteri richiesti per la certificazione LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), il protocollo americano che analizza sei differenti parametri qualitativi: sostenibilità dell’insediamento, consumo efficiente di acqua, consumo efficiente di energia e contenimento delle emissioni in atmosfera, impiego di materiali e consumo di risorse, qualità degli ambienti indoor, principi di progettazione e innovazione. Coperture che fungono da isolanti termici, riutilizzo delle acque di scolo e raccolta dell’acqua piovana, rivestimento in vetro con pellicole a bassa remissività, turbine eoliche e pannelli solari.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa