Carrello 0
ARCHITETTURA

Benati firma edificio commerciale per Porta Nuova

di Roberta Dragone

Due volumi semplici si confrontano con i nuovi progetti del maxi intervento

Vedi Aggiornamento del 07/04/2010
30/07/2007 – L’architetto Valentino Benati firma un nuovo progetto per l’ area Porta Nuova di Milano . Si tratta di un edificio a destinazione terziaria e commerciale che si confronterà con le nuove edificazioni previste nell’ambito del maxi intervento di trasformazione urbana che interessa i tre quartieri milanesi Garibaldi Repubblica, Varesine e Isola. Valentino Benati , Fabio Gobbin e Federico Colletta gli autori del progetto di variante al permesso di costruire di ottobre 2006. “Il progetto di variante – spiegano dallo studio Benati - prende motivazione da alcune considerazioni che sono emerse nel corso dell’iter amministrativo del progetto, dalle condizioni al contorno che hanno subito modificazioni notevoli incidendo sull’assetto planivolumetrico e urbanistico dell’intera zona e dall’intenzione, per quanto possibile, di migliorare l’impatto volumetrico nei confronti dell’edificato esistente come richiesto da diverse organizzazioni di base”. Due volumi semplici sottolineano altrettante direttrici fondamentali: il primo forma una quinta di chiusura del lato nord del parco pubblico con una dimensione importante a confrontarsi con le nuove edificazioni dei progetti isola lunetta, Garibaldi Repubblica e la nuova sede della Regione, ed il secondo allineato con la via Confalonieri di altezza minore in assonanza con l’edificato esistente. L’architettura del complesso è fortemente caratterizzata dalle tipologie delle fronti che prevedono balconate continue con chiusura a doppia vetrata a risparmio energetico. “Trattandosi di un progetto di variante a un progetto assentito in forza di una convenzione sottoscritta – commentano gli autori del progetto - non sono state operate modificazioni quantitative e difformità nelle aree di cessione o di uso pubblico si è conservata la stessa quantità di parcheggi ad uso pubblico previsti in convenzione, ma si è ridotto il numero di quelli privati, ritenuti in numero eccessivo (da 12.499 a 7.940), eliminando i parcheggi posti al piano interrato e sostituendoli con depositi al servizio dei sovrastanti negozi e degli uffici”. Nel nuovo edificio è stato eliminato il ristorante che era previsto all’ultimo piano, mentre è stato confermato, anche se leggermente ridotto, il piano ad uso spazi collettivi, piscina, palestra. L’arretramento dell’edificato su via Gonfalonieri consente la creazione di un grande marciapiede arredato col fronte dei negozi di vicinato. L’edificio è poi molto alleggerito visivamente dalla permeabilità al piede dove l’incontro dei due corpi principali determina una piazza coperta pedonale che, pur se privata, richiama alcune istanze espresse dalla zona. A febbraio del prossimo anno sono previsti i lavori di completamento delle paratie e di consolidamento degli interrati, insieme alla realizzazione degli impalcati fuori terra. L’ultimazione dei lavori di costruzione è attesa entro gennaio 2009.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Quanto è equo il compenso dei professionisti? Leggi i risultati