Carrello 0
AZIENDE

Un’Arca in acciaio e cemento armato per l’ampliamento del museo Albertinum di Dresda grazie a PERI UP

di
Commenti 3946

Un sistema economicamente vantaggioso per le molteplici operazioni di montaggio

Commenti 3946
19/07/2007 - Il cortile interno dell' Albertinum , storico museo nel cuore di Dresda , viene ora arricchito da una copertura situata all'altezza del secondo piano dell'edificio. All'interno verranno realizzati laboratori e un deposito centrale per le opere di valore. La nuova struttura, definita "un'Arca di Noè rialzata" dall'architetto berlinese Volker Staab , contribuirà a creare un ampio spazio da cui sarà possibile ricavare un atrio di ingresso, una libreria, una caffetteria e superfici espositive supplementari. La costruzione a struttura mista in acciaio e c.a. pesa 2.700 tonnellate e poggia su pilastri in cemento armato, come fosse un ponte la cui campata si protende per quasi 70 metri. Due possenti travi reticolari in acciaio, alte nove metri, sono perfettamente integrate nella struttura. Per il montaggio della costruzione in acciaio e per il getto successivo del calcestruzzo gli ingegneri PERI, in collaborazione con le imprese coinvolte nel progetto, hanno elaborato una soluzione speciale composta da casseforme e impalcature di servizio. Per le molteplici operazioni di montaggio è stata eretta un'impalcatura di servizio e sostegno alta 16,5 m con il sistema multidirezionale PERI UP , il cui impiego si è rivelato economicamente vantaggioso. L'attrezzatura modulare PERI UP consente di adattare perfettamente l’impalcatura all'edificio esistente e alla forma architettonica prevista per il tetto in costruzione, e di distribuire i carichi nei punti e sulle superfici prestabiliti. Grazie a 14 intelaiature parziali dei montanti verticali, realizzate con correnti orizzontali UH 25, è stata garantita una portata di 450 kN, nonostante l'altezza elevata. Le impalcature sopraelevate, disposte a intervalli regolari di nove metri, lasciano ampio spazio libero sotto alle piattaforme di servizio e formano una stilata di rinforzo a 16 metri d'altezza. Le sollecitazioni orizzontali vengono trasmesse all'edificio esistente, rendendo così superflua la presenza di ancoraggi. La piattaforma di lavoro è costituita da travi per casseforme PERI GT 24 a portata elevata, utilizzate sia per l'orditura primaria che per la secondaria; questa scelta ha permesso di creare campate ampie e una sottostruttura spaziosa caratterizzata da un numero inferiore di puntelli. Gli addetti al cantiere SBG hanno potuto preassemblare a terra intere unità di impalcatura PERI UP, successivamente sollevate e sovrapposte con l'ausilio della gru, che ha potuto procedere senza interruzioni. Questo ha permesso di accelerare i tempi di montaggio e di sfruttare al meglio la presenza della gru. Inoltre, la possibilità di operare al suolo ha aumentato considerevolmente i livelli di sicurezza rispetto all'assemblaggio in altezza. Le scadenze rigorose sono state perciò rispettate, nonostante gli spazi di manovra ridotti, e le prime travi di acciaio sono state posizionate e montate poco tempo dopo l'inizio dei lavori. La piattaforma di servizio e montaggio serve inoltre come superficie intermedia per l'armatura del solaio inferiore. La cassaforma per solai MULTIFLEX e i puntelli singoli PEP 30 distribuiscono i carichi del calcestruzzo sull'impalcatura di sostegno PERI UP, che li trasmette a sua volta al suolo. Il successo nella realizzazione di questo progetto dipendeva dalla scelta dei sistemi di casseforme e delle impalcature più adeguati. Gli ingegneri PERI hanno collaborato con l'immobiliare SBG di Kirchberg e l'impresa di costruzioni in acciaio Müller di Offenburg per trovare il sistema più adatto. Sulla base del certificato di omologazione PERI UP è stato redatto un progetto esecutivo dettagliato dell'impalcatura di sostegno corredato dalle relative relazioni di calcolo statico. Fin dall'inizio dei lavori, il supervisore PERI ha fornito un servizio di consulenza alla manodopera del cantiere, per accelerare il montaggio dell'impalcatura e accertarsi che le norme di sicurezza fossero rispettate. Sia la rapidità che la protezione degli addetti sono state comunque favorite dalla scelta del sistema PERI UP. Informazioni sul cantiere: Impresa SBG Saupersdorfer Baugesellschaft mbH, Kirchberg Costruzione in acciaio Müller Offenburg GmbH & Co. KG, Offenburg Assistenza al progetto PERI Chemnitz e Weißenhorn Peri su Edilportale.com Informazioni su PERI: PERI è stata fondata nel 1969 a Weissenhorn (Germania) da Artur Schwörer, con l'idea di rendere il processo di posa in opera delle casseforme più rapido, semplice e sicuro. Da allora PERI ha fornito considerevoli contributi al continuo miglioramento e alla razionalizzazione del processo di costruzione. Considerata per più di 35 anni la realtà leader nell’innovazione della tecnologia delle casseforme, PERI si presenta come una delle maggiori società internazionali produttrici e fornitrici di casseforme, impalcature e ponteggi, accompagnando la fornitura con una serie di servizi che offrono il miglior rapporto tecnico-economico. Nel 2006 il fatturato del Gruppo è stato di oltre 920 milioni di euro, con un incremento di circa 150 milioni di euro rispetto al 2005. Con 44 filiali presenti in tutto il mondo, assistite da 100 centri logistici e 4150 dipendenti, PERI è in grado di servire più di 65 Paesi. La filiale italiana, PERI S.p.A. opera dal 1983 e la sede centrale è a Basiano (MI). La rete tecnico-commerciale garantisce la copertura di tutto il territorio nazionale. Grazie a un parco noleggio il cui valore supera i 120 milioni di euro, PERI S.p.A. è in grado di soddisfare tutte le esigenze dei clienti. Ufficio stampa PERI Tel.: 0295078257 Fax 0295761914 info@peri.it
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa