Carrello 0
“BloodBox”: autoemoteca interattiva itinerante
DESIGN NEWS

“BloodBox”: autoemoteca interattiva itinerante

di

Design e tecnologia al servizio della donazione del sangue

26/07/2007 - Presentato il 4 luglio 2007 in conferenza stampa BloodBox , progetto di autoemoteca interattiva itinerante concepito da Istituto Quasar, Design University, Roma , in collaborazione con l’associazione ADV-PS - Associazione Donatori e Volontari della Polizia di Stato, Onlus , con l’intento di rafforzare e far crescere la sensibilità dei cittadini su un tema così forte ed al tempo stesso così delicato qual’è quello della donazione del sangue. BloodBox è progettato come un’architettura mobile, un ambiente immersivo interattivo che, informando in maniera completa sul sangue, invita ad una donazione sicura e consapevole attraverso immagini e strumenti innovativi. BloodBox, oltre ad essere spazio funzionale per la raccolta del sangue , è luogo di comunicazione ed informazione attraverso un complesso sistema multimediale ad interfaccia elettronica , in grado di generare con gli utenti un’esperienza interattiva e dinamica. L’oggetto, con straordinario impatto visivo esterno e requisiti di visibilità anche notturna, dispensa le informazioni attraverso 3 grandi “finestre” a goccia, che collegano interno ed esterno e trasmettono senza soluzione di continuità immagini oniriche e reali, visioni e suoni. Funzioni e aree-spazio di BloodBox BloodBox è composto da una serie di mini aree-spazio per le diverse funzioni legate alla donazione, tutte percorse dalle installazioni di comunicazione multimediale. Registrazione Nel BloodBox viene effettuata la registrazione dei dati anagrafici del donatore che in seguito viene sottoposto ad un controllo preliminare dei valori di emoglobina. Visita In occasione di ogni donazione viene effettuata un’accurata anamnesi medica per accertare le buone condizioni di salute del donatore. L’anamnesi rappresenta un momento di tutela sia del donatore, per il quale la donazione in certe situazioni può essere rischiosa, sia per il paziente che deve poter ricevere il sangue da soggetti sani. Prelievo Il donatore che, in seguito al test e all’anamnesi, viene giudicato idoneo, è accompagnato nell’area dei prelievi attraverso un percorso pieno di emozioni visive. Qui il donatore viene fatto sdraiare su un lettino ergonomico, accompagnato da immagini virtuali che evocano in 3 dimensioni il fluire del sangue, mentre su una bilancia viene controllata la durata, la velocità ed il volume della raccolta. Raggiunta la quantità prefissata la bilancia arresta automaticamente il flusso ed emette un segnale acustico. Relax Dopo il prelievo il donatore rimane a riposo sul lettino per una decina di minuti sempre in compagnia di immagini e suoni rilassanti. Ristoro Prima di allontanarsi dal Centro, al donatore viene offerto un ristoro: nel BloodBox è prevista un’accogliente area bar. Realizzazione del prototipo Istituto Quasar e ADV-PS, nel presentare ai media ed alle istituzioni il progetto, ha lanciato un appello a tutti gli enti pubblici e privati per il finanziamento di un prototipo di BloodBox che possa iniziare fattivamente la sua attività sociale. Per eventuali donazioni rivolgersi all’ADV-PS Onlus tel. 06.44740337. Il progetto BloodBox, sviluppato da un’idea di Orazio Carpenzano , Direttore Culturale dell’Istituto Quasar, in collaborazione con Luca Repola , Presidente dell’ADV-PS, è stato curato dal prof.arch. Luca Le onori , per la parte del progetto degli interni, e dal prof.arch. Rosario Marrocco , per la parte multimediale, nell’ambito dei Laboratori creativi dei Corsi di Habitat Design, Grafica e MMMH (Multimedia Motion Music Hyperdesign). L’Istituto Quasar conferma con questo progetto quella che è stata da sempre la sua politica: massima contiguità tra il mondo della formazione e quello reale, sia del lavoro che della solidarietà. Questo evento si inserisce nella serie di iniziative culturali volute da Silvia Benedetti de Cousandier , Direzione Generale dell’Istituto Quasar, per il 2007 in occasione dei primi 20 anni di attività dell’Istituto. Ufficio Stampa Istituto Quasar – stampa@istitutoquasar.com Imma Puzio +39 348 8572387 - Franca Angelici +39 06 8557078
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati