Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, i tecnici chiedono sanatoria degli abusi per facilitarne l’attuazione
NORMATIVA Superbonus 110%, i tecnici chiedono sanatoria degli abusi per facilitarne l’attuazione
NORMATIVA

Il CUP di Udine scrive al Presidente Sirica

Meglio sospendere fino a settembre la raccolta delle firme

Vedi Aggiornamento del 16/10/2007
Commenti 4938
12/07/2007 - Nuove defezioni per la raccolta di firme promossa dal CUP a sostegno delle propria proposta di legge d’iniziativa popolare di riforma delle professioni. Dopo la decisione dell’Ordine di Roma di non aderire all’iniziativa ( leggi tutto ), ora è la volta del Cup Federprofessionisti della Provincia di Udine che, in una lettera scritta dal Presidente del CUP di Udine, Romeo La Pietra, anche a nome dei Presidenti dei CUP di Trieste e Gorizia, e indirizzata al Presidente del CUP, Raffaele Sirica, esprime le proprie perplessità sulla raccolta delle firme. L’avvio della raccolta delle firme, dopo essere stato a lungo rinviato – si legge nella lettera - è avvenuto recentemente in un quadro di contesto generale che non può non creare perplessità sull’esito finale dell’iniziativa. L’idea di tradurre in proposta di legge il testo messo a punto dal CUP era maturata nell’autunno-inverno scorso dopo un periodo di forte contrasto tra il governo ed i professionisti successivamente al decreto Bersani ed al disegno di legge Mastella approvato dal governo il primo dicembre scorso. Tale iniziativa continuava sul solco della manifestazione di Roma del 12 ottobre dell’anno scorso in un eccezionale clima di unità delle categorie professionali e di forte contrasto con governo e parlamento. Ci si chiede ora – afferma il CUP di Udine - se quel quadro in cui era maturata la scelta di tale iniziativa è oggi ancora attuale e soprattutto ci si chiede se oggi sia funzionale agli obiettivi dei professionisti portarla a compimento, quando i due aspetti, sopra ricordati, che hanno determinato all’epoca la scelta sembrano oggi in larga parte essere venuti meno. A breve – spiega la lettera – è atteso un nuovo testo di riforma del Parlamento, dove le categorie professionali sono ben lungi dall’avere una impostazione unitaria e dal fare quadrato attorno al CUP. Ci si chiede – conclude il CUP di Udine –se non sia più opportuno e conveniente sospendere fino a settembre la raccolta delle firme rinviando la decisione di proseguire nell’iniziativa a dopo le valutazioni sul nuovo testo atteso dal parlamento.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui