Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus e bonus facciate, come è andata finora
MERCATI Superbonus e bonus facciate, come è andata finora
URBANISTICA

Marche, modificata la legge sulla VIA

Recepita anche la direttiva UE sulla valutazione ambientale strategica

Vedi Aggiornamento del 27/11/2008
03/07/2007 - Meno burocrazia, più semplificazione e decentramento sono i principali vantaggi introdotti dalla modifica alla legge regionale marchigiana n. 7 del 2004 sulla Valutazione di impatto ambientale (VIA). Importanti novità riguardano le installazioni che sfruttano fonti energetiche rinnovabili, in particolare impianti fotovoltaici e solari termici a terra e impianti eolici di piccole dimensioni. L’atto approvato pochi giorni fa dal Consiglio regionale introduce anche disposizioni per il recepimento della direttiva europea sulla Valutazione ambientale strategica di piani e programmi, che hanno impatti ambientali e presenta importanti novità anche nella gestione delle aree naturali Rete Natura 2000. Impianti fotovoltaici Non sono più soggetti a VIA le installazioni di impianti fotovoltaici e di impianti solari termici posizionati a terra con una superficie inferiore a 5mila metri quadrati. Una semplificazione che si aggiunge all’esclusione dalla procedura per gli impianti non a terra, ma integrati negli edifici, già prevista dal decreto nazionale Conto energia che incentiva il fotovoltaico. Per gli impianti dai 5mila metri quadrati in su, l’installazione è soggetta a verifica (screening) e, nel caso si renda necessaria, a VIA. Ulteriore novità, la competenza ora trasferita alle Province già competenti in materia di paesaggio. Impianti eolici Non sono più soggetti a VIA gli impianti eolici fino a 20 metri di altezza (pala compresa). Al di sotto di questo limite, come nel caso descritto prima, le installazioni sono quindi soggette solo ad autorizzazioni comunali. “L’atto approvato dal Consiglio ed elaborato da un gruppo di lavoro interno al Servizio Ambiente - spiega l’Assessore regionale all’Ambiente, Marco Amagliani - ha semplificato il sistema di rilascio delle autorizzazioni. La nuova legge infatti fissa limiti dimensionali e non di potenza. In questo modo viene automaticamente stimolato il mercato ad offrire soluzioni tecnologiche più efficienti e avanzate, che permettono di ottenere una potenza maggiore per unità di superficie o di altezza.” Smaltimento rifiuti Ulteriore novità riguarda le procedura di VIA e di AIA (Autorizzazione integrata ambientale) relativamente agli impianti di trattamento e smaltimento dei rifiuti. Con la legge in questione le Province saranno titolari anche delle procedure di AIA, una modalità di decentramento che consente di accorpare la “filiera amministrativa” per le autorizzazioni e tutti i relativi procedimenti per la gestione dei rifiuti. “Questa circostanza- spiega Amagliani - oltre ad orientare chiaramente l’utente nella comprensione del percorso amministrativo da seguire, potrà garantire anche una effettiva semplificazione e coerenza tra i provvedimenti assunti, soprattutto in relazione alla programmazione provinciale di settore.” Valutazione ambientale strategica (VAS) e assetto delle competenze La VAS è richiesta dall’Unione Europea quando un piano o programma di settore determina effetti ambientali significativi. L’obiettivo è quello di garantire un elevato livello di protezione dell'ambiente e di contribuire all'integrazione di considerazioni ambientali mediante una procedura preventiva. Ora sono definiti i programmi soggetti alla VAS (tra cui la pianificazione urbanistica) ed è specificato nel dettaglio l’assetto delle competenze sulla materia attribuendo a Regione e Provincia la valutazione in relazione alla rilevanza del piano. La nuova disciplina entrerà in vigore soltanto dopo l’emanazione di apposite linee guida per introdurre una specifica normativa di attuazione. Rete Natura 2000 “Gli stessi obiettivi di semplificazione amministrativa, decentramento e snellimento delle procedure - precisa Amagliani - sono riportati anche nella parte della legge che disciplina l’individuazione e la gestione della Rete Natura 2000 (SIC e ZPS) ed i relativi strumenti di gestione. Fondamentale è la norma che esclude da qualsiasi procedura valutativa di incidenza una serie numerosa di interventi, elencati nella nuova disposizione e soggetti ad aggiornamento da parte della Giunta, il cui impatto ambientale sulla conservazione delle risorse naturali del sito interessato è stato ritenuto insignificante.” Fonte: www.regione.marche.it

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus e bonus edilizi, come sta andando e cosa prevedi per il futuro? Leggi i risultati