Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sismabonus 110%, come si calcolano i limiti di spesa
RISTRUTTURAZIONE Sismabonus 110%, come si calcolano i limiti di spesa
MERCATI

Oice, agosto positivo per le gare di progettazione

Preoccupazione per il sistema degli appalti dopo le correzioni al Codice

Vedi Aggiornamento del 13/12/2007
Commenti 3587
13/09/2007 - Dopo il recupero nei mesi di giugno e luglio anche in agosto il mercato pubblico dei servizi di ingegneria e architettura presenta un ulteriore significativo aumento in valore, che non è però sufficiente a compensare la flessione che fino ad oggi si registra nel 2007 rispetto all'anno scorso. L'Osservatorio OICE/Informatel rileva 367 gare indette in agosto (di cui 47 sopra soglia) per un importo complessivo di 59,8 milioni di euro (di cui 42 milioni sopra soglia), con un aumento in valore del 66,0% e una piccola diminuzione del 6,6% in numero rispetto allo stesso mese del 2006. In particolare sono i bandi sopra soglia a segnare, rispetto ad agosto dell'anno scorso, un forte aumento positivo, con un +38,2% in numero e un +82,7% in valore Riepilogando i valori annuali, in questi primi otto mesi risultano indette 3.731 gare, per complessivi 482,3 milioni di euro. Rispetto ai primi otto mesi del 2006 si rileva una diminuzione del 34,4% nel numero dei bandi (-6,4% soprasoglia) e del 18,6% nel loro importo (-21,9% soprasoglia). "I dati positivi dell'ultimo trimestre - ha dichiarato Nicola Greco, presidente OICE - sono certamente incoraggianti, ma rimaniamo preoccupati per il futuro andamento del sistema dei lavori pubblici dopo l'ultimo decreto correttivo del codice dei contratti pubblici che, pur dando maggiore certezza sul pagamento diretto al progettista dei corrispettivi negli appalti integrati, ha ignorato i pareri parlamentari che chiedevano ben altre modifiche sull'appalto integrato, come la soppressione della possibilità di affidamento sulla base del progetto preliminare. Inoltre - prosegue Greco - avere previsto qualche limite soltanto per gli appalti integrati sotto soglia, lascia nella sostanza invariata la liberalizzazione di questa procedura, spostando sul costruttore buona parte dell'attività progettuale e, quindi, non rispondendo all'esigenza di garantire la centralità della progettazione. In prospettiva - ha concluso - visto che queste norme rimangono sospese fino all'emanazione del regolamento, ci attendiamo che con un nuovo correttivo o con apposite norme regolamentari si possano riprendere le indicazioni parlamentari". Fonte: www.oice.it

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui