Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

Umbria, presentata l’iniziativa ‘Città sostenibili’

Commenti 4701

Progetti 'Pagus' per migliorare i centri storici delle città europee

Vedi Aggiornamento del 02/05/2008
Commenti 4701
27/09/2007 - Attrarre cittadini e attività nei centri storici delle città europee, non solo con il recupero edilizio e urbano, ma anche garantendo la mobilità di persone e merci e l’accesso alle nuove tecnologie informatiche e delle telecomunicazioni. È quanto si propone il progetto INTERREG III C “Pagus” (Programma d’Assistenza e Gestione Urbana Sostenibile), che ha visto coinvolte, in partenariato, l’Umbria come Regione capofila, Galizia e Andalusia (Spagna), Amave (Portogallo), Tracia e Macedonia dell'Est (Grecia) e ministero delle Infrastrutture di Malta. I progetti realizzati sono stati presentati nel corso di una conferenza, a Perugia, alla quale hanno partecipato i rappresentanti delle regioni partner e i responsabili umbri dei vari sottoprogetti (Comuni di Perugia, Terni, Todi e Narni, ATC, Alta Scuola, Centralcom, CMM). Il progetto “Pagus”, che rientra nella categoria delle “Regional Framework Operations” (RFO) e che in Umbria ha portato all’individuazione di dodici sottoprogetti, mirava a sviluppare tre linee di azione: migliorare ed implementare qualifiche e capacità professionali dei differenti attori coinvolti nei processi di sviluppo urbano e trasferimento di “know-how” tra le regioni partners; analisi, ricerca e sperimentazione di sistemi sostenibili per la mobilità urbana e la distribuzione merci nei centri storici cittadini, identificazione di tecnologie innovative di controllo e monitoraggio; definizione e sperimentazione dei migliori sistemi integrati di informazione urbana e partecipazione interattiva dei cittadini nella pianificazione e gestione dei centri storici. Tra i progetti presentati, da segnalare quelli del Comune di Perugia (in collaborazione con l’Università degli Studi) per la realizzazione di un museo virtuale, del Comune di Todi per l’ampliamento dell’attuale sistema di mobilità con mezzi elettrici non inquinanti e quello del Comune di Terni (in collaborazione con l’azienda di trasporto pubblico locale) che ha elaborato due piani strategici per la mobilità, del tutto originali a livello internazionale. Il Comune di Narni ha invece proposto un laboratorio per il recupero urbano con il coinvolgimento dei cittadini e in collaborazione di Santiago de Compostela ed altri centri storici dell’America latina. Altri progetti tecnologici e di cablaggio sono stati presentati da “Centralcom” e dal Centro Multimediale di Terni. “I progetti elaborati - hanno detto gli assessori regionali allo Sviluppo sostenibile, Lamberto Bottini, e alla Mobilità alternativa, Silvano Rometti, entrambi presenti alla conferenza -costituiranno un grande valore per l’impiego delle future risorse. L’obiettivo – hanno aggiunto – rimane quello di garantire, accanto all’accessibilità fisica, l’accesso a tutte le tecnologie della società informatica attraverso lo sviluppo, con tecnologie non invasive, delle reti di comunicazione e trasmissione dati e la creazione di punti pubblici di comunicazione interattiva a disposizione di cittadini e turisti”. Fonte: Ufficio Stampa Regione Umbria
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa