Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus idrico da 1000 euro per ridurre gli sprechi di acqua
RISPARMIO ENERGETICO Bonus idrico da 1000 euro per ridurre gli sprechi di acqua
RISPARMIO ENERGETICO

Liguria: norme per la certificazione energetica

di Rossella Calabrese

Anticipati i valori limite che a livello nazionale sono previsti per il 2010

Vedi Aggiornamento del 18/03/2009
Commenti 33454
17/12/2007 – Dopo la Lombardia e l’Emilia Romagna, anche la Liguria definisce il suo sistema di certificazione energetica degli edifici. È stato infatti pubblicato sul Bollettino Ufficiale n. 19 del 28 novembre 2007 della Regione Liguria, il Regolamento regionale n. 6 dell’8 novembre che attua l’articolo 29 della legge regionale 29 maggio 2007 n. 22 (Norme in materia di energia). Il regolamento disciplina i criteri per il contenimento dei consumi di energia, i requisiti minimi del rendimento; le prescrizioni per la certificazione energetica, la metodologia di calcolo delle prestazioni energetiche integrate degli edifici, i criteri e le modalità per la certificazione energetica, le modalità di attuazione dei controlli e la procedura per il rilascio dell’attestato di certificazione energetica. I requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici riguardano le caratteristiche e le prestazioni termiche dell’involucro edilizio, il fabbisogno di energia per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria, le caratteristiche e il fabbisogno di energia degli impianti di climatizzazione estiva e di illuminazione artificiale. Per quanto riguarda il fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale degli edifici di nuova costruzione, si adottano i valori limite (allegato B del regolamento) che a livello nazionale sono previsti solo dopo il 1° gennaio del 2010; per il fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale degli edifici esistenti si adottano i livelli di prestazione energetica limite previsti dal d.lgs 192/2005 (e 311/2006) che entreranno in vigore gradualmente rispettivamente dal 1° gennaio 2008 e dal 1° Gennaio 2010 di cui all’allegato B. Relativamente al calcolo del fabbisogno energetico degli edifici, si fa riferimento alla norma UNI EN 832 - Prestazione termica degli edifici – Calcolo del fabbisogno di energia per il riscaldamento – Edifici residenziali ed alla raccomandazione CTI R03/3 “Prestazioni energetiche degli edifici. Climatizzazione invernale e preparazione acqua calda per usi igienico- sanitari”. Anche il software utilizzato deve garantire il rispetto delle normativa UNI EN 832. La classificazione energetica degli edifici riportata nel certificato deve essere effettuata secondo i seguenti parametri: il fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria EPi [kWh/m2 anno]; le dispersioni dell’involucro [kWh/m2 anno]; il rendimento globale degli impianti per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria. Le classi vanno da A a G. Il certificato energetico contiene le informazioni tecniche relative al sistema edificio-impianto nella maniera più completa possibile e permette all’utente di comprendere le informazioni essenziali relative alla qualità energetica dell’edificio. Il certificato deve indicare: il fabbisogno di energia primaria e le dispersioni, le emissioni di CO2, gli interventi consigliati, la valutazione qualitativa dell’impianto di condizionamento. L’attestato di certificazione energetica è rilasciato da professionisti abilitati iscritti all’elenco regionale di cui all’articolo 30 della Lr 22/2007, istituito con la Delibera di Giunta n. 954 del 3 agosto 2007.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui