Carrello 0
Arredo urbano e spazio pubblico ad Avellino
CONCORSI

Arredo urbano e spazio pubblico ad Avellino

di Cecilia Di Marzo

Valorizzazione della principale arteria pedonale della città

30/01/2008 - Il bando per l’acquisizione di idee per l’arredo urbano e la valorizzazione dello spazio pubblico lungo il Corso Vittorio Emanuele II , costituisce il completamento dell’intervento di riqualificazione urbana del corso principale della città di Avellino . Il Corso Vittorio Emanuele II è un’arteria urbana ad andamento rettilineo e pianeggiante, fiancheggiata sui due lati da cortine edilizie continue interrotte in più punti da importanti tratti viari ortogonali. Assecondando gli orientamenti della cultura urbanistica di fine ottocento, questo fondamentale asse cittadino ha assunto nel tempo simultaneamente le funzioni di catalizzatore di interessi pubblici e privati, di conduttore dei traffici pedonali e dei trasporti, di collettore dei flussi di penetrazione ed attraversamento della città. Lungo i due lati del Corso infatti, hanno sede alcuni edifici storici di prestigio, una delle maggiori chiese della città, il Convitto nazionale, la Villa Comunale, alcune banche e le numerose ed importanti attività commerciali cittadine. Sviluppatosi sul modello del boulevard, il Corso ha assorbito la vita sociale della città, offrendosi come luogo di passeggio, di aggregazione, di manifestazione e adeguandosi agli stili di vita ed ai cambiamenti economici è divenuto il luogo simbolo della città di Avellino. Il suo potenziamento ha infatti permesso il passaggio dalla città storica, di impianto centripeto, alla città diffusa, ad andamento lineare, che ha visto lo spostamento dell’asse baricentrico proprio lungo il Corso Vittorio Emanuele II. Questo importante processo di trasformazione urbana ha determinato nel tempo, l’aumento dei flussi di attraversamento e penetrazione nel Corso ed il conseguente potenziamento dei tratti viari ortogonali e paralleli ad esso ausiliari, a ridosso dei quali è avvenuta l’assoluta concentrazione dei luoghi di interesse collettivo e di pubblica utilità quali il cinema-teatro, il carcere, il catasto, il municipio, il palazzo delle Poste, diversi edifici per uffici e ulteriori attività commerciali e del ristoro. Tuttavia, l’attività intensiva dei traffici ed il triplice interesse d’uso sopra evidenziato, hanno reso necessario, oggi, un programma di riqualificazione urbana che l’attuale amministrazione comunale ha intrapreso con vigore, anche grazie all’introduzione di nuovi strumenti urbanistici, dalla cui approvazione dipende il futuro sostenibile della città di Avellino. La recente politica di delocalizzazione dei maggiori uffici cittadini, congiuntamente alla deviazione dei flussi veicolari verso arterie periferiche di collegamento e di attraversamento e un’efficace limitazione dei traffici veicolari, nonché, la realizzazione di nuovi parcheggi, permetteranno la parziale pedonalizzazione del Corso Vittorio Emanuele II ed il suo congiungimento con la più importante piazza cittadina, Piazza Libertà, la cui riqualificazione e successiva pedonalizzazione completerà, definitivamente ed in modo strategico, la politica di salvaguardia, tutela e valorizzazione del cuore della città. Oggetto del concorso è la predisposizione di una proposta ideativa relativa alla valorizzazione della principale arteria pedonale della città, attraverso segmenti di scenografia urbana e servizi di arredo, che dovranno essere integrati con gli interventi di riqualificazione formale e funzionale dello spazio lungo il Corso. Esso pertanto ha la finalità di raccogliere e mettere a confronto idee, proposte tecniche, economiche, culturali e turistiche per l’arredo formale e funzionale dello spazio urbano di Corso Vittorio Emanuele II, corso centrale della città di Avellino. L’Amministrazione, nell’indire il concorso di idee per l’arredo urbano del Corso Vittorio Emanuele II, intende lasciare ampio spazio alla creatività dei concorrenti che parteciperanno. Tuttavia appare opportuno fornire alcune indicazioni non esaustive rispetto alle possibili soluzioni progettuali, mentre il resto viene lasciato all’estro dei progettisti con il compito di identificare i problemi e di sviluppare soluzioni appropriate. Lo spazio urbano individuato è sede della quotidianità pedonale ed è luogo di grande visibilità per la città capoluogo. Il corso è stato ed è tuttora oggetto di un intervento di riqualificazione urbana, ma rimane ancora complessivamente privo dell’adeguata qualità e del decoro, che gli sono dovuti dal contesto architettonico, storico, culturale e sociale. I soggetti interessati dovranno far pervenire la propria proposta progettuale entro il termine perentorio delle ore 13.00 del giorno 14.03.2008 . Il concorso si concluderà con una graduatoria di merito e con l’attribuzione di n° 2 premi come di seguito indicato: - al 1° classificato € 20.000,00 - al 2° classificato € 10.000,00.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Quanto è equo il compenso dei professionisti? Leggi i risultati