Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Covid-19 e superbonus 110% hanno rallentato l’edilizia nel 2020
MERCATI Covid-19 e superbonus 110% hanno rallentato l’edilizia nel 2020
NORMATIVA

Codice Ambiente: pubblicato in Gazzetta il decreto correttivo

di Rossella Calabrese

Modificate norme su diritto ambientale, rifiuti, valutazione di impatto ambientale e terre e rocce da scavo

Vedi Aggiornamento del 10/02/2009
Commenti 21691
01/02/2008 - È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 29 gennaio scorso, il decreto legislativo n. 4 del 16 gennaio 2008 che apporta ulteriori correzioni e integrazioni al Dlgs 152/2006 (Codice dell’Ambiente) in materia di gestione dei rifiuti, Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) e Valutazione Ambientale Strategica (VAS). Si tratta del cosiddetto “terzo correttivo”, il decreto che ha accorpato il secondo e il terzo correttivo del Codice, dopo che un ritardo nella procedura di approvazione aveva fatto decadere il secondo decreto; a quel punto si decise di inserirlo nel testo del terzo, che nel frattempo aveva iniziato il proprio iter di approvazione ( leggi tutto ). L’esame da parte del Parlamento è stato caratterizzato da aspre critiche dell’opposizione che contestava la legittimità del provvedimento per il mancato rispetto dei termini nella procedura di trasmissione alle Camere ( leggi tutto ). Nonostante le difficoltà, le Commissioni Ambiente della Camera e del Senato hanno espresso parere favorevole con condizioni, consentendo al Consiglio dei Ministri del 21 dicembre 2007 di dare il via libera definitivo al decreto ( leggi tutto ). Il decreto integra la parte prima del Codice, introducendo norme sulla produzione del diritto ambientale, sull’azione ambientale e sullo sviluppo sostenibile; sostituisce la parte seconda, relativa alle procedure per la Valutazione Ambientale Strategica (VAS), per la Valutazione dell’Impatto Ambientale (VIA) e per l’autorizzazione integrata ambientale (IPPC). Vengono poi modificate le parti terza e quarta del Codice, in particolare le norme sugli scarichi idrici, la definizione di rifiuto e la disciplina delle materie prime secondarie, dei sottoprodotti e delle terre e rocce da scavo. Ricordiamo che le norme relative a VIA, VAS e Autorizzazione Ambientale Integrata (IPPC) contenute nella Parte II (articoli da 4 a 52) del Codice sono entrate in vigore il 31 luglio scorso. A causa delle lungaggini dell’esame delle correzioni su Via e Vas, la proroga al 31 luglio 2007, fissata dal DL 300/2006, non è stata sufficiente. Ora l’entrata in vigore del decreto correttivo modificherà nuovamente la disciplina su Via, Vas e Ippc. Questo è, di fatto, il secondo correttivo; le prime correzioni al Codice sono state apportate dal decreto legislativo 284/2006 .

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui