Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus ristrutturazioni, come funziona la detrazione se varia il numero delle unità immobiliari?
NORMATIVA Bonus ristrutturazioni, come funziona la detrazione se varia il numero delle unità immobiliari?
NORMATIVA

Testo unico sicurezza: più poteri ai rappresentanti dei lavoratori

di Rossella Calabrese

Nei cantieri dovrà essere designato il rappresentante per la sicurezza di sito produttivo

Vedi Aggiornamento del 24/09/2008
Commenti 22771
09/04/2008 – Sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale nei prossimi giorni, il decreto legislativo che attua la delega contenuta nella Legge 123/2007 in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro. Tra le novità del nuovo Testo Unico, vi è il rafforzamento delle funzioni del “rappresentante dei lavoratori per la sicurezza”, che dovrà essere designato in tutte le aziende, indipendentemente dal numero dei dipendenti, e che dovrà essere eletto in un’unica giornata su tutto il territorio nazionale. Nelle aziende fino a 15 lavoratori il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza può anche essere uno solo per più aziende nello stesso ambito territoriale o comparto produttivo e assume la definizione di “rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale”. Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale ha diritto ad una formazione particolare in materia di salute e sicurezza concernente i rischi specifici esistenti negli ambiti in cui esercita la propria rappresentanza. Nei contesti produttivi caratterizzati dalla compresenza di più aziende o cantieri saranno individuati i “rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza di sito produttivo”; si tratta dei porti, dei centri intermodali di trasporto, degli impianti siderurgici, dei cantieri con almeno 30.000 uomini-giorno e dei contesti produttivi con complesse problematiche legate alla interferenza delle lavorazioni e da un numero complessivo di addetti mediamente operanti nell’area superiore a 500. Per l’esercizio delle proprie attribuzioni, il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza può accedere ai luoghi di lavoro; è consultato preventivamente e tempestivamente in ordine alla valutazione dei rischi e alle misure di prevenzione nell’azienda o unità produttiva; è consultato sulla designazione del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione, alla prevenzione incendi, al primo soccorso, alla evacuazione dei luoghi di lavoro e del medico competente; è consultato in merito all’organizzazione della formazione dei lavoratori; riceve le informazioni e la documentazione aziendale inerente alla valutazione dei rischi e le misure di prevenzione, alle sostanze pericolose, agli impianti, all’organizzazione e agli ambienti di lavoro, agli infortuni ed alle malattie professionali. Inoltre, riceve le informazioni provenienti dai servizi di vigilanza; promuove misure di prevenzione per la tutela della salute dei lavoratori; formula osservazioni in occasione di verifiche effettuate dalle autorità competenti; partecipa alla riunione periodica con il datore di lavoro, il responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi e il medico competente; fa proposte in merito alla attività di prevenzione; avverte il responsabile dell’azienda dei rischi individuati nel corso della sua attività; può fare ricorso alle autorità competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e protezione dai rischi adottate dal datore di lavoro o dai dirigenti e i mezzi impiegati per attuarle non siano idonei a garantire la sicurezza e la salute durante il lavoro.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui