Carrello 0
AZIENDE

Accordo MIBAC-Tassullo per la conservazione dell’architettura contemporanea

di

Siglato protocollo d’intesa per la ricerca di nuovi materiali e metodologie

 
17/06/2008 - Un progetto di ricerca, per la valorizzazione e conservazione dell’architettura del secondo Novecento , del valore di duecentomila euro: questo l’oggetto dell’ accordo pubblico-privato firmato tra MIBAC (Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia Romagna) e Tassullo S.p.A .  
 
A siglare l’importante documento, si sono riuniti il 12 giugno, presso il Centro Ricerche dell’azienda Tassullo, l’Arch. Carla Di Francesco, Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia Romagna, e il Presidente della Tassullo S.p.A Dott. Friedrich Pattis. Alla presenza del Soprintendente per i Beni Architettonici della Provincia di Trento, l’Arch. Sandro Flaim, MIBAC e Tassullo S.p.A hanno ufficialmente avviato una ricerca finalizzata all’individuazione e sperimentazione dei materiali e delle metodologie per il restauro e la conservazione dell’architettura contemporanea, con particolare riferimento all’opera di Gio Ponti.
 
“La ricognizione delle opere di architettura realizzate in Italia nel secondo Novecento - spiega l’Arch. Carla Di Francesco - è stata avviata dalla DARC (Direzione Centrale per l’Arte e l’Architettura Contemporanea) nel 2001, per selezionare le espressioni artistiche più significative, in grado di presentare elementi di interesse o di qualità riconosciuta. Tale ricognizione procede in base a criteri oggettivi e condivisi di individuazione di valori e qualità in tutte le regioni italiane. La conoscenza del patrimonio esistente, tuttavia, non può essere di per sé considerata sufficiente per una reale azione di tutela e valorizzazione di un patrimonio architettonico di cui si ha finalmente la cognizione; pertanto la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia Romagna, ha promosso azioni ed interventi che rendessero concreto quest’obbiettivo , nel quadro delle nuove priorità indicate dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, al fine di definire azioni di difesa e tutela del patrimonio architettonico del ‘900. Il MIBAC ha quindi avviato programmi di ricerca innovativi su diversi manufatti dislocati sul territorio nazionale, individuando nel mondo imprenditoriale il partner tecnico-scientifico Tassullo.”
 
La collaborazione della Tassullo S.p.A a tale ricerca non si configura come una semplice sponsorizzazione ma, piuttosto, come una partnership tecnico-scientifica vera e propria, nella quale l’esperienza e la competenza delle risorse professionali sono messe a disposizione, assieme alle strutture di ricerca scientifica, per raggiungere un obiettivo individuato da un Ente pubblico.
“La creazione di sinergie con le forze imprenditoriali impegnate nel mondo del restauro – conclude l’arch. Carla Di Francesco - che recepiscono i nostri obiettivi culturali in ordine alla tutela e alla valorizzazione di questi complessi architettonici, è di estrema importanza per raggiungere risultati ottimali e condivisi sotto il profilo operativo.”
 
Dal 1909, Tassullo S.p.A produce materiali innovativi per il settore dell’edilizia ed opera nel settore del restauro e della conservazione dei monumenti storici. Tassullo considera imprescindibile il ruolo della ricerca, alla quale destina costantemente forti investimenti che l’hanno resa punto di riferimento di importanti istituti universitari italiani. La collaborazione con docenti di architettura e ingegneria di fama internazionale è anche finalizzata a condividere e diffondere il know how acquisito, mediante una serie di iniziative culturali. Fra queste, la Collana editoriale ‘Reficere’ costituisce uno strumento di divulgazione su ampia scala dei risultati delle ricerche più aggiornate e dei contributi più innovativi che la ricerca scientifica ha raggiunto nel settore del restauro, del consolidamento e della conservazione.


Tassullo su Edilportale.com
 
 
L’oggetto della ricerca
Le cinque fabbriche pontiane, prescelte per le loro caratteristiche materiche e per la diversa collocazione ambientale, sono le seguenti:
Fondazione Livio e Maria Garzanti - Forlì
Centrale Idroelettrica di Taio - Trento
Istituto di Cultura Italiana C.M.LERICI– Stoccolma - Svezia
Hotel dei Principi a Sorrento – Napoli.
Villa Planchart Caracas - Venezuela
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati