Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, proposto tetto di spesa di 130mila euro per la messa in sicurezza antisismica
NORMATIVA Superbonus, proposto tetto di spesa di 130mila euro per la messa in sicurezza antisismica
AZIENDE

Zinco-titanio zintek® per il complesso The Colours a Vicenza

Il colore come elemento progettuale

Commenti 3885
05/06/2008 - Interrogati in proposito, molti scrittori di professione rivelano che creare un testo avendo consegne rigide li porta spesso a dare il meglio di sé: la sfida a rispettare i paletti imposti da argomenti specifici, lunghezze precise o tempi ridotti funziona da stimolo a realizzare un prodotto comunque di qualità, e più i vincoli sono stretti, più i giocolieri della parola, paradossalmente, si divertono.
 
Proseguendo l’indagine in contesti differenti, si scopre che le cose non cambiano: in campo architettonico, ad esempio, per quanto avere carta bianca nel progettare un edificio possa essere il sogno di ogni professionista, dover fare i conti con le limitazioni più disparate non è meno stimolante.
 
Lo dimostra il brillante risultato raggiunto con la progettazione di The Colours , complesso direzionale-commerciale realizzato nella periferia di Vicenza , commissionato all’architetto Massimo Broglio dall’immobiliare Europroject.
 
Il dover creare un edificio letteralmente incastrato tra altri due fabbricati, dotandolo di una personalità che spiccasse, e tenendo sott’occhio la funzionalità degli uffici e le esigenze di ogni cliente che ne avrebbe preso possesso, è apparso alla committenza e all’autore un compito affascinante.
 
Per risolverlo, la soluzione scelta è stata quella di uno spazio forte, dall’identità allo stesso tempo ben definita e continuamente mutevole.
 
Scombinando la classica dicotomia tra gioco e lavoro, visti da sempre come concetti antitetici, sono infatti stati pensati uffici perfettamente efficienti ma dalle forti connotazioni ludiche, ricorrendo a un generoso uso del colore. Non colore tradizionalmente applicato alle pareti, ma distribuito a piene mani sulle facciate esterne e nei diversi ambienti, con vetrate rosse, gialle, azzurre, verdi, violette, e, per gli interni, mosaici coordinati.
 
Inoltre non è stata privilegiata una facciata rispetto alle altre, ma tutte sono state interpretate come fronti, ciascuna della stessa importanza, e ciascuna definita da una scelta progettuale, con l’utilizzo di specifiche combinazioni di materiali. Marmo, cemento, vetro, acciaio, mattone, zinco-titanio: tutti contribuiscono all’unicità dell’insieme, che rivela, da ogni lato, prospettive inedite e tagli curiosi, dalle suggestioni pittoriche vicine a Mondrian.
 
La volontà di creare un ambiente di lavoro che combattesse anche esteticamente l’idea di un’attività routinaria e grigia ha quindi portato al disegno di un’architettura accogliente, giocosa e amichevole, pur nella razionalità dell’organizzazione e degli spazi e delle funzioni.
 
Nel gioco di piani e linee che si intersecano, rompendo l’ortogonalità classica a favore di un ritmo squisitamente originale, tra le stanze dalle porte a vetri, che ricordano la galleria degli specchi di un luna-park, si aprono quindi inattese terrazze, angoli in cui rifugiarsi per cercare pace o ispirazione, spazi pensati per creare e non per eseguire meccanicamente mansioni ripetitive.
 
A fare da collettore tra i singoli spicchi di colore, ciascuna facciata utilizza rivestimenti in laterizio o metallo: in particolare, per la facciata est è stato utilizzato lo zinco-titanio zintek® per il rivestimento a scandole. Le finestrature, disposte con apparente irregolarità lungo tutta la superficie della facciata, generano un senso di forte dinamismo cui contribuisce non poco la caratteristica cromia dello zintek® prepatinato . L’effetto d’insieme è rigoroso e divertito, grazie anche al variare della luce che, rimbalzando sulla superficie metallica, si propaga per l’intera facciata, creando continui effetti di profondità.
 
The Colours appare quindi come un contenitore allegro e alternativo di idee e creatività, rispecchiando in pieno il lavoro progettuale che, partendo da vincoli piuttosto stretti, ha saputo scardinarli dall’interno e configurarsi come un’opera unica, di carattere, e vicina a una leggerezza, fatta di sostanza e significato, che non dispiacerebbe a Italo Calvino.
 
 
Zintek su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui