Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, dubbi su impianti termici e manutenzioni nelle unità immobiliari
RISTRUTTURAZIONE Superbonus, dubbi su impianti termici e manutenzioni nelle unità immobiliari
LAVORI PUBBLICI

In dirittura d’arrivo il Regolamento attuativo del Codice appalti

di Rossella Calabrese

Tornerà in Parlamento dopo l'approvazione del terzo decreto correttivo del Codice

Vedi Aggiornamento del 29/09/2009
Commenti 10289
24/07/2008 - Prosegue presso le competenti Commissioni di Camera e Senato l’esame del terzo decreto correttivo del Codice degli appalti pubblici ( Dlgs 163/2006 ).
 
In Commissione Ambiente della Camera è intervenuto il sottosegretario alle Infrastrutture, Mario Mantovani, annunciando che il Regolamento attuativo del Codice è in corso di adeguamento alle osservazioni a suo tempo formulate dalla Corte dei conti ( leggi tutto ), che riprendevano quanto rilevato dal Consiglio di Stato ( leggi tutto ). Quindi - ha continuato Mantovani -, non appena sarà concluso l’iter del terzo correttivo sarà riavviato il percorso procedurale del Regolamento, mediante la trasmissione del testo al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e al Consiglio di Stato, come previsto dall'articolo 5, comma 4, del Codice.
 
Gli altri importanti temi al centro della discussione sono stati quelli del project financing e delle opere di urbanizzazione. 
 
Sul primo - ha ricordato il relatore Mauro Pili - numerosi Paesi europei, in particolare il Regno Unito, hanno previsto una legislazione premiante rispetto all’iniziativa privata: in tal senso, è indispensabile ragionare sul parere reso dal Consiglio di Stato, che sembra, invece, invitare il Governo all’esclusione totale della figura del promotore ( leggi tutto ). Secondo Pili tale dato è assolutamente dannoso, anche perché è possibile individuare una specifica collocazione del promotore nell’ordinamento, introducendo una «formula italiana» per questa  disciplina, conforme alla normativa comunitaria. 
 
Per quanto riguarda le opere di urbanizzazione a scomputo, il relatore ha giudicato criticabile l’impostazione del terzo correttivo che propone una forzosa unificazione della disciplina delle opere pubbliche «sopra e sotto soglia», che impedisce la semplificazione e l’abbattimento dei tempi delle procedure degli appalti pubblici, soprattutto per i comuni più piccoli e per gli importi più bassi. 
 
Il deputato Settimo Nizzi ha proposto di inserire nel provvedimento disposizioni in favore delle opere di urbanizzazione a scomputo cosiddette «extra-comparto», uno strumento - a suo avviso - utile per ridurre il contenzioso che spesso insorge tra lottizzanti e amministrazioni pubbliche, e per favorire un collegamento stabile tra le diverse aree di lottizzazione.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui