Carrello 0
World Architecture Festival di Barcellona al via
EVENTI

World Architecture Festival di Barcellona al via

di Rossella Calabrese

Archistar ed emergenti in gara nella città di Gaudì

22/10/2008 – Comincia oggi la tre giorni del World Architecture Festival (WAF)a Barcellona (ES), evento annuale che premia e celebra il lavoro della comunità internazionale dell’architettura.
 
Il festival, che ha sede presso il Centre Convencions Internacional (CCIB) della città catalana, presenta il più ricco programma di premiazioni per il mondo della progettazione. Fine ultimo della competizione, riflettere sul carattere sempre più internazionale dell’architettura, celebrarne al contempo le origini regionali, effettuando un’ampissima rassegna degli edifici realizzati in tutto il mondo negli ultimi diciotto mesi. 
 
Una “super giuria” internazionale, presieduta da Norman Foster , composta da architetti, committenti e critici, è chiamata a designare i 17 progetti vincitor i di altrettante categorie, selezionandoli tra i 224 lavori finalisti della competizione. Giuria e pubblico del festival potranno assistere alla presentazione dal vivo dei lavori in gara.
 
Le diciassette classi di gara riguardano: “Sedi Istituzionali”, “Edifici per Uffici“, “Centri Culturali”, “Energia”, “Salute”, “Tempo libero”, “Residenze”, “Istruzione”, “Natura”, “Vecchio e Nuovo”, “Case Private”, “Produzione”, “Religione”, “Shopping”, “Sport”, “Trasporti”, “Turismo”.
 
Il Festival dà spazio ai volumi ideati tanto da archistar del calibro di Zaha Hadid, Skidmore Owings Merrill, Kohn Pederson Fox, Nikken Sekkei, Denton Corker Marshall, quanto dalle firme emergenti della progettazione.
Paul Finch , direttore della “ Architectural Review ” e curatore del programma della manifestazione, ha asserito, a tal proposito: “Questa selezione offre un valido indicatore della qualità e della diversità del design architettonico in tutto il mondo. Ciascun progetto è stato selezionato per le sue qualità estetiche e per il modo in cui risponde ai bisogni ambientali, economici e sociali dei committenti e delle comunità. Ciascuno di essi potrebbe vincere, indipendentemente dalla sua scala.”
  
Regno Unito, Stati Uniti, Australia e Messico sono i paesi da cui proviene la maggior parte dei lavori finalisti, tuttavia tra le new entries del concorso, Cina, Russia e India vantano una forte presenza.
 
Il 24 ottobre, ultimo giorno del Festival, la giuria provvederà a proclamare il vincitore del premio più importante della manifestazione, ovverosia il “ World Building of the Year 2008”, selezionato tra i primi classificati per ognuna delle diciassette categorie in gara. Una volta terminato l’evento, tutti i lavori saranno permanentemente visionabili sul sito web dedicato.
 
Il festival offrirà anche una mostra tematica,esercitazioni dal vivo per le scuole di architettura, un’esposizione dedicata ai prodotti selezionati dagli architetti, tour cittadini, eventi sociali e seminari.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati