Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, non passano la proroga al 2023 e l’estensione a professionisti e imprese
NORMATIVA Superbonus, non passano la proroga al 2023 e l’estensione a professionisti e imprese
RISULTATI

Emilio Caravatti per il Campus della Cultura a Vercelli

di Rossella Calabrese

Un recupero funzionale dell'ospedale S. Andrea

Vedi Aggiornamento del 13/01/2009
Commenti 4667
21/11/2008 - É il team guidato da Emilio Caravatti il vincitore del concorso di progettazione internazionale per il Campus della cultura a Vercelli , all’interno dell’area dell’ ex ospedale S. Andrea .
 
A seguito di un’approfondita analisi del grande spazio vuoto generato dello smantellamento della struttura ospedaliera, e con la costante consapevolezza della scala del sistema, il progetto è stato pensato per conferire un carattere urbano e sociale all’area di destinazione.
 
Ne deriva la scelta di una struttura imponente, in costante comunicazione con l’edificato circostante. Dal rapporto tra la mole del volume e l’area urbana esistente prende forma la nuova piazza urbana, scandita dal verde e dalle vasche d’acqua che, nella loro lunghezza, esaltano la morfologia del vicino porticato.
 
La nuova aula magna e le aule per la didattica saranno ospitate all’interno dell’ex padiglione 18 dell’ospedale. Il blocco genererà attorno a sé una vivace area pubblica cittadina, mettendo in connessione viale Garibaldi, la nuova piazza e i flussi direzionali verso la stazione.
 
Lo schema relazionale dell’edificio mantiene la sezione originata dal padiglione neoclassico. Il mastodontico colonnato del padiglione “ex 18” conduce alla corte interna - luogo di connessione tra le unità funzionali (biblioteche, università, parcheggi, città) - e ne regola gli accessi al pubblico confermando la sua forte vocazione urbana.
 
La biblioteca universitaria e la biblioteca civica saranno invece ubicate dove una volta si trovavano il reparto femminile e la farmacia dell’ospedale. Tutti i volumi sono collegati dal lungo porticato.
 
Una torre libraria è pensata comequinta e punto di fuga della piazza, silenziosa massa di cemento miscelato ai colori delle terre, appoggiata a chiudere e completare la continuità dei fronti esistenti”. L’area destinata ai parcheggi si struttura in due sezioni generate dalla presenza di altrettante lastre in cemento inclinate in direzioni opposte l’una all’altra.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Partecipa