Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sismabonus acquisto, spetta anche quando si demolisce un immobile e se ne ricostruiscono tre
NORMATIVA Sismabonus acquisto, spetta anche quando si demolisce un immobile e se ne ricostruiscono tre
LAVORI PUBBLICI

Emilia Romagna, 27 milioni per l’edilizia sociale

di Paola Mammarella

Preferiti i piccoli comuni che incrementano aree e immobili disponibili

Vedi Aggiornamento del 20/05/2009
Commenti 3850
20/01/2009 - Scade il 27 febbraio il bando della Regione Emilia Romagna “Programmi di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile”. Sono quasi 27 milioni di euro i fondi a disposizione, provenienti da stanziamenti statali e regionali.
 
Secondo quanto affermato dall’Assessore regionale Luigi Gilli l’edilizia residenziale pubblica si posiziona al centro degli interventi pianificati dall’amministrazione per il miglioramento della qualità urbana e periferica.
 
La Regione presterà molta attenzione ai piccoli comuni anche grazie all’aumento degli stanziamenti per il programma di edilizia sociale voluto dal bilancio previsionale 2009. Per quest’anno saranno a disposizione 26,6 milioni di euro, il 75% dei quali verrà utilizzato per la realizzazione di alloggi in affitto. Il restante 25% sarà invece impiegato per i servizi di quartiere. Si prevede inoltre una riserva del 50% a favore dei Comuni con popolazione non superiore a 15 mila abitanti.
 
Le risorse si concentreranno sul recupero degli immobili pubblici inutilizzati, incentivando gli interventi di riqualificazione o rigenerazione del tessuto urbano esistente. Attenzione soprattutto all’efficienza energetica, alla qualità e accessibilità degli spazi pubblici, alla sicurezza urbana e alla mobilità sostenibile.
 
Gli alloggi potranno essere realizzati o recuperati da operatori pubblici come Comuni e Ater, ma anche da privati, quali imprese, cooperative e fondazioni. Saranno destinati alle fasce sociali già in possesso dei requisiti per l’accesso all’edilizia residenziale pubblica e a categorie di cittadini che si trovano in condizioni di disagio abitativo pur superando i limiti di reddito previsti.
 
Le abitazioni realizzate dai privati grazie a finanziamenti dovranno essere locate per un periodo non inferiore ai 25 anni. Saranno privilegiati i Comuni che nel proprio strumento urbanistico hanno messo a disposizione a titolo gratuito immobili e aree da destinare all’edilizia sociale.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui