Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Nuovo Testo Unico Edilizia, passi avanti per la proposta di legge
NORMATIVA Nuovo Testo Unico Edilizia, passi avanti per la proposta di legge
NORMATIVA

Agenzia del Territorio, iniziative anti-evasione

di Paola Mammarella

In Gazzetta Ufficiale il quinto elenco dei fabbricati non in regola

Vedi Aggiornamento del 18/12/2009
Commenti 7938
08/01/2009 – Continua l’attività dell’Agenzia del Territorio contro evasione ed elusione fiscale in materia di immobili. Con i comunicati pubblicati nella Gazzetta Ufficiale n. 303 del 30 dicembre 2008 l’Agenzia prosegue l’attuazione del Decreto Legge 262/2006 , convertito dalla Legge 286/2006 , contenente disposizioni urgenti tributarie e finanziarie.
 
Per quanto riguarda i terreni il Territorio sta procedendo all’aggiornamento in base alle variazioni colturali riscontrate dalle dichiarazioni del 2008. Sono state registrate le variazioni nella qualità di coltura e dei relativi redditi per intere particelle o loro porzioni. Si sono effettuate le stime considerando le dichiarazioni presentate all’Agea, Agenzia per le erogazioni in agricoltura.
 
È stato diramato un quinto elenco di particelle di catasto terreni sulle quali ricadono immobili che non risultano dichiarati al Catasto, individuati attraverso attività di foto-identificazione svolte in collaborazione con l’Agea e incrociate con le banche dati catastali.
 
Sono inoltre stati riscontrati fabbricati per i quali sono venuti meno i requisiti soggettivi per il riconoscimento della ruralità a fini fiscali, rinvenuti grazie all’incrocio tra le banche dati catastali e il Registro delle imprese. Gli elenchi sono consultabili entro 60 giorni dalla pubblicazione del comunicato in Gazzetta Ufficiale presso i Comuni interessati.
 
Entro 7 mesi dalla pubblicazione dei comunicati sia i fabbricati non dichiarati, sia quelli che hanno perso i requisiti di ruralità devono essere denunciati al Catasto Edilizio Urbano dai soggetti titolari di diritti reali. In caso di inerzia gli uffici provinciali dell’Agenzia del Territorio possono surrogarsi agli interessati e procedere all’accatastamento a loro spese.
 
Il territorio non esclude la possibilità di errori, derivati dalle elaborazioni massive che potrebbero aver dato luogo a incoerenze o all’inclusione di particelle non rientranti nella fattispecie oggetto di variazione.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Leggi i risultati