Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Fotovoltaico sul tetto del fabbricato adiacente, ok al superbonus
NORMATIVA Fotovoltaico sul tetto del fabbricato adiacente, ok al superbonus
LAVORI PUBBLICI

Piano carceri: dubbi sulla copertura finanziaria

di Rossella Calabrese

Servizio Studi della Camera: il piano avrà effetti peggiorativi sui saldi

Vedi Aggiornamento del 13/10/2009
18/02/2009 – Effetti peggiorativi sui conti pubblici potrebbero essere determinati dal Piano carceri contenuto nel disegno di legge di conversione del DL n. 207 del 30 dicembre 2008 , cosiddetto Milleproroghe, all’esame della Camera.
 
A sollevare i dubbi sulla copertura finanziaria è il Servizio Studi della Camera secondo il quale “a fronte del piano di incremento delle infrastrutture carcerarie prefigurato dalla norma, non sono previste risorse aggiuntive, bensì l’utilizzo di risorse disponibili a legislazione vigente (le risorse stanziate per la Legge Obiettivo ( Legge 443/2001 ) o rese disponibili dalla cassa delle ammende di cui all’art. 4 della Legge 537/1932).
 
Appare pertanto necessario – continuano i tecnici di Montecitorio – che sia chiarito se la finalità aggiuntiva si configuri come sostitutiva di altre attualmente previste, secondo un ordine di priorità che verrà definito, o se i tempi effettivi di utilizzo delle risorse disponibili possano registrare, in conseguenza della norma, un’accelerazione rispetto a quanto scontato negli andamenti tendenziali, con conseguenti effetti peggiorativi sui saldi.”
 
Ricordiamo che il Piano carceri, per far fronte alla grave situazione di sovrappopolamento delle carceri, e comunque fino al 31 dicembre 2010, attribuisce al Capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, i poteri di commissario straordinario previsti dall'articolo 20 del DL 185/2008 anticrisi ( leggi tutto ).
 
Il piano prevede che le opere programmate siano inserite nel programma di cui all'articolo 1, comma 1, della Legge Obiettivo, nonché, se di importo superiore a 100.000 euro, nel programma triennale previsto dall'articolo 128 del Dlgs 163/2006 (Codice degli appalti). Altra fonte di finanziamento è stata individuata nella cassa delle ammende che disporrebbe, ad oggi, di oltre 150 milioni di euro destinati a progetti di reinserimento dei detenuti ( leggi tutto ).

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui