Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Equo compenso e gare di progettazione agili, le proposte dei professionisti
PROFESSIONE Equo compenso e gare di progettazione agili, le proposte dei professionisti
LAVORI PUBBLICI

Piano Casa, la Sgr gestirà 1 miliardo per nuove unità abitative

di Paola Mammarella

Con 2 mln di capitale sociale la nuova società costituita da Cdp, Abi e Acri contribuirà al rilancio dell’edilizia

Vedi Aggiornamento del 25/11/2009
Commenti 5209
24/02/2009 – Nasce oggi la nuova Società di gestione del risparmio immobiliare costituita da Cassa Depositi e Prestiti, Associazione bancaria Italiana e Acri, organismo che associa casse di risparmio e organizzazioni no profit per scopi di utilità sociale e promozione dello sviluppo.
 
Cdp, Abi e Acri gestiranno infatti il Piano Casa previsto dal Decreto Legge 112/2008 , convertito dalla Legge 133/2008 . Una misura varata dal Governo per risolvere l’emergenza abitativa e dare nuovo slancio al settore edilizio, gravato dalla crisi economica in atto, con l’avvio di opere immediatamente cantierabili.
 
Secondo le dichiarazioni di Corrado Faissola, presidente dell’Abi, intervenuto al Forum “Banche e Pubblica Amministrazione”, la nuova società avrà un capitale sociale di 2 milioni di euro, di cui il 70% gestito dalla Cdp, il 15% dall’Abi e il restante 15% dall’Acri. Il suo ruolo sarà quello di rispondere alla carenza di abitazioni rilanciando un tipo di edilizia che compensi il progressivo venir meno degli investimenti privati.
 
La Sgr si occuperà della gestione del fondo nazionale di un miliardo di euro per la realizzazione delle nuove abitazioni, con possibilità di apertura anche ai fondi regionali, cui potrebbero partecipare investitori istituzionali e fondazioni ex bancarie.
 
In base a quanto affermato dal presidente della Cdp Franco Bassanini, la Sgr promuoverà fondi locali e regionali che coinvolgeranno anche i Comuni per la realizzazione di 20 mila unità abitative da assegnare ad affitto calmierato a varie categorie di soggetti deboli, come giovani coppie, anziani a basso reddito, studenti fuori sede e lavoratori immigrati con regolare permesso di soggiorno.
 
Gli alloggi dovranno rispettare i moderni requisiti di sostenibilità ambientale e risparmio energetico, inserendosi nel quadro urbanistico preesistente. Gli interventi saranno inoltre utili alla riqualificazione di aree degradate o a rischio di emarginazione sociale (Leggi Tutto).
 
Per la versione definitiva del Piano Casa si attende la pubblicazione del Dpcm attuativo.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui