Carrello 0
AZIENDE

A Milano un museo per le sostanze adesive

Con il contributo di Mapei e di Vinavil, il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci inaugura una nuova area dedicata agli adesivi

20/03/2009 - Il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano Leonardo da Vinci ”, in partnership con Mapei e Vinavil , con il contributo di Regione Lombardia e Camera di Commercio di Milano, inaugurerà il prossimo 8 aprile una nuova area interattiva , all’interno del Dipartimento Materiali, dedicata alle sostanze adesive .
 
È lo sviluppo di un progetto che ha visto già protagonista Mapei nella sponsorizzazione di due sezioni dei Laboratori Interattivi (i.lab) dedicate alla chimica dei colori e ai materiali adesivi . Attive dal gennaio 2008, queste sezioni rientrano rispettivamente nell’ambito dell’”i.lab Chimica” e dell’”i.lab Materiali” e hanno l’obiettivo di utilizzare l’educazione informale per coinvolgere e interessare la scuola, le famiglie e il grande pubblico. Mapei e Vinavil vogliono offrire così un contributo doveroso a un settore che le vede da sempre primeggiare in Italia e nel mondo. Ne fanno fede l’indiscussa leadership mondiale di Mapei nel settore degli adesivi per edilizia e la storia della consociata Vinavil, produttrice della “colla bianca” italiana per antonomasia.
 
Un altro motivo di fondo va sicuramente individuato anche nella volontà del Gruppo Mapei di perseguire uno degli obiettivi di comunicazione primari di Federchimica: quello di far capire quanto il mondo che ci circonda non possa fare a meno della chimica.
 
 
Va ricordato che il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, situato in un monastero olivetano costruito agli inizi del ‘500 nel cuore della città di Milano, si estende su 40.000 m2 ed è il più grande museo tecnico-scientifico in Italia.
 
Il Museo rappresenta fin dalla sua nascita un luogo fondamentale non solo per la ricerca, lo studio e la conservazione, ma anche per la diffusione della cultura scientifica e della sua applicazione tecnologica e pratica.
Oggi il Museo si presenta come un contenitore culturale e un luogo di dialogo tra la comunità scientifica e i cittadini. È il centro perfetto dove far conoscere anche tutte le tematiche legate al mondo della scienza e, come in questo caso, far capire al grande pubblico quali sono le forti relazioni che intercorrono fra scienza, industria e, di conseguenza, con il mondo degli oggetti prodotti che ci circondano.
 
Lo spazio interattivo dedicato agli adesivi verrà inaugurato seguendo proprio questi obiettivi.
Partendo dal presupposto che fino dagli inizi delle attività umane sono state usate sostanze di questo tipo, la sezione sarà articolata secondo tre casi di studio che richiamano epoche differenti: i materiali che tengono insieme una casa, quelli che permettono la realizzazione di materiali compositi e quelli utilizzati in applicazioni di alta tecnologia, per esempio nell’industria aeronautica.
 
Il mondo delle sostanze adesive è sicuramente vasto e a volte decisamente sorprendente. I prodotti appiccicosi, infatti, permettono a due superfici di restare attaccate fra loro ma sono anche in grado di dare vita a nuovi materiali. Le sostanze adesive, quindi, non sono solo le colle tradizionalmente intese, ma anche tutto quello che permette agli oggetti di stare insieme, siano i mattoni di un muro o i trucioli del compensato.
 
Il Museo ha deciso di dedicare un’area espositiva alle sostanze adesive per diversi motivi.
In primo luogo perché la maggior parte degli oggetti - dalle grandi strutture ai mezzi di trasporto, dalle nostre case agli oggetti che con noi le abitano – sono formati da parti e materiali diversi e uniti fra loro.
Secondariamente perché con le colle si sono realizzati e si realizzano tuttora materiali compositi, cioè materiali che non esistono in natura e che possono essere progettati in modo molto specifico per risolvere un particolare problema o assolvere a uno specifico compito.
Infine perché moltissimi materiali adesivi, dai più comuni ai più impensabili, hanno ampiamente caratterizzato il nostro mondo e, con esso, il nostro modo di vivere.
 
Per maggiori informazioni si possono consultare i seguenti siti:
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati