Carrello 0
AZIENDE

Vivere nel meglio con la casa ‘Climablock’ di Pontarolo Engineering

26/03/2009 - Tra Cordovado e Sesto al Reghena in provincia di Pordenone, si sta costruendo un’abitazione con struttura tradizionale, quindi di lunga durata e bassa manutenzione, con consumi talmente ridotti per il riscaldamento ed il raffrescamento estivo da essere considerati quasi nulli.
 
Anche questa casa, come tutte, sarà dotata di elettrodomestici che, con il loro funzionamento, è inevitabile, generano calore: il frigorifero per creare al suo interno freddo, rilascia calore all’esterno, la lavatrice per funzionare genera calore, così come il televisore, il ferro da stiro e tutti gli altri elettrodomestici. In questa nuova casa, saranno proprio queste fonti di calore, unite all’irraggiamento solare, che nei mesi freddi entra attraverso i vetri non oscurati, a garantire il benessere termico assieme ad un piccolissimo impianto termico a bassa temperatura.  
 
Il comfort estivo sarà, invece, garantito da murature e coperture dotate di grande massa (anche 700 kg/mq) che assicurano che il sole, nel corso delle ore in cui irraggia maggiormente, non riesca a riscaldare la struttura in tutto il suo spessore, impedendo, di fatto, al calore di penetrare all’interno dell’edificio (pensiamo al fresco delle case dei nostri nonni con muri molto spessi e pesanti), oltre, ovviamente, a sistemi di ombreggiamento e oscuramento dei serramenti esterni.
Ma la vera novità è che questi risultati, raggiunti con grande facilità costruttiva, si stanno ottenendo con costi decisamente interessanti rispetto a quelli che si potrebbero sostenere per abitazioni con prestazioni inferiori costruite con altre tecnologie.
 
Tutto inizia con un’accorta progettazione dell’edificio: grande attenzione all’orientamento dell’abitazione che, per le caratteristiche climatiche della provincia di Pordenone, ha spinto a realizzare limitate aperture a nord e più ampie a sud; utilizzo di serramenti ad alte prestazioni inseriti nelle murature costruite con il sistema Climablock (vincitore premio innovazione 2008 e definito la più grande invenzione dopo il mattone)  della Pontarolo Engineering S.p.a. di San Vito al Tagliamento (PN), che garantisce antisismicità ai massimi livelli, grande isolamento (trasmittanza di 0,14 W/m2K con soli 39 cm di spessore – per chi non fosse del settore si sappia che 0,14 W/m2K è un dato assolutamente eccezionale), assenza totale di ponti termici e qualità costruttiva certa anche con mano d’opera non specializzata (si monta come un lego) e tempi di realizzazione ridotti ad 1/5: i muri del primo piano, ad esempio, comprensivi di struttura in cemento armato, isolamento spessore 24 cm, controtelai, scarichi ecc. sono stati eseguiti da 3 operai in solo un giorno e mezzo, non è un errore proprio un giorno e mezzo! Iniziati un martedì mattina terminati mercoledì alle 12.
 
È stato previsto, inoltre, di dotare l’abitazione di un impianto di pulizia dell’aria interna (ventilazione) controllato e continuo che, nell’espellere l’aria viziata, ne usa il calore per riscaldare l’aria che entra con un recupero anche del 90% del calore stesso.
I considerevoli risparmi costruttivi e di gestione rendono la casa un eccellente esempio di biocostruzione o, più correttamente, sostenibile al massimo dei livelli ottenibili oggi.
 
Spesso, però, le ottime prestazioni degli edifici non corrispondono poi ad un reale benessere per gli abitanti, mentre questa casa è speciale anche sotto l’aspetto del comfort, in quanto la parete Climablock è dotata di un importante spessore d’isolamento all’esterno (18 cm) della muratura, ma ne presenta anche all’interno (6 cm), ed è proprio la presenza di quest’isolamento interno che garantisce che la temperatura superficiale della parete sia praticamente uguale a quella dell’ambiente, dando così un eccellente sensazione di benessere, (le pareti non isolate internamente, quindi ad una temperatura inferiore rispetto a quella dell’aria interna, al contrario, danno una fastidiosa percezione di disagio dovuta all’irraggiamento del corpo freddo, a volte poco percettibile ma sufficiente a creare una sensazione sconfortevole). A tutto questo si aggiunge la qualità dell’aria interna che sarà sempre pulita, nuova, non viziata per il ricambio continuo con recupero di calore.
La sensazione di benessere è alla base della qualità del vivere e dell’armonia familiare, alla sera, dopo il lavoro, non si vedrà l’ora di arrivare e stare in casa!
Costruire abitazioni a bassissimo consumo energetico che assicurino il miglior comfort abitativo, secondo criteri di sostenibilità, a vantaggio dell'ambiente in generale e degli occupanti in particolare, non è quindi né costoso né difficile.
 
 
La Pontarolo Engineering S.p.a. specializzata nel risparmio energetico, nel comfort abitativo e nel biocostruire, produttrice del sistema Climablock, ha ampliato la presenza di tecnici per consulenze personalizzate gratuite e per visite in cantiere affinché l’esperienza dell’azienda sia a disposizione di chi vuole progettare fabbricati sostenibili e realmente costruibili a prezzi competitivi.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
La domotica, quali risvolti sociali ed economici per le famiglie? Leggi i risultati