Carrello 0
''Architettura Contemporanea Alpina''
EVENTI

''Architettura Contemporanea Alpina''

di Rossella Calabrese

A Lozzo di Cadore 32 opere tra tradizione e approccio contemporaneo

15/04/2009 – Il comune di Lozzo di Cadore (Bl) ospiterà fino al prossimo 26 aprile la mostra itinerante “Architettura Contemporanea Alpina”.
 
L’evento, organizzato dall’associazione “Sesto Cultura”, presenta 32 progetti realizzati negli ultimi 10 anni sulle Alpi, servendosi di circa 170 pannelli fotografici. Le opere in mostra fanno parte della selezione effettuata dalla giuria del premio "Architettura Contemporanea Alpina” nell’ultima edizione del concorso, risalente al 2006. Alla competizione avevano preso parte 419 progetti di architettura moderna delle Alpi, realizzati da architetti provenienti da 9 paesi.
 
Assai composita la tipologia costruttiva degli edifici in mostra, dalle case unifamiliari a opere d’ingegneria come ponti e funivie, passando per condomini, alberghi, scuole, musei, mercati, caserme di pompieri e ristrutturazioni urbane.
 
L’esposizione intende pertanto fornire punti di riflessione in merito alle evoluzioni formali e concettuali dell’architettura alpina oggi, collocata com’è al crocevia tra tradizione rustica e approccio contemporaneo, ed intesa come “conseguenza e premessa” dell’economia a carattere turistico del territorio alpino. In questo senso le opere in mostra offrono la possibilità di osservare e discutere non solo di risultati di visibilità e di modificazione del paesaggio, ma anche di azioni di comunità per la promozione e la conservazione del territorio montano.
 
Nella giornata del prossimo 24 aprile, a due giorni dalla chiusura della mostra, avrà luogo il convegno “Progetto e Valorizzazione dell’Ambiente Alpino”, moderato dal vicedirettore di Rai Tre G. Casagrande. Ridefinizione di strumenti e metodi urbanistici, potenzialità del territorio, storia e antropologia saranno gli argomenti al cuore della discussione.
 
Terminata la tappa a Lozzo di Cadore, la mostra partirà per Stoccarda.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

)