Carrello 0
LAVORI PUBBLICI

Appalti, gara pubblica come regola generale

di Paola Mammarella

Tar Puglia: va sempre motivato il ricorso alla trattativa privata

Vedi Aggiornamento del 01/06/2009
22/04/2009 – Per una amministrazione è legittimo esperire una gara per licitazione privata anche se si è in presenza di condizioni che consentirebbero di affidare i lavori a trattativa privata.
 
Lo ha stabilito il Tar Puglia di Lecce con la sentenza 173/2009 . È irrilevante l’assenza di motivazione, che al contrario deve essere presente quando si ricorre alla trattativa privata. Il Tar si è pronunciato sull’annullamento di una delibera con la quale erano stati affidati con trattativa privata alcuni lotti successivi all’esecuzione di un primo lotto per la realizzazione di una fognatura.
 
 Pur in presenza delle condizioni che avrebbero legittimato l’affidamento dei lotti successivi all’appaltatore del primo, la stazione appaltante aveva deciso di procedere con una licitazione privata.
 
Si poneva quindi il problema se tale licitazione fosse bandita dall’amministrazione fosse o meno legittima. Nella valutazione il Tar è partito dalla natura eccezionale della trattativa privata, affermando poi la libertà per l’amministrazione appaltante di indire una gara pubblica anche laddove sussistano i presupposti per un’aggiudicazione mediante trattativa privata.
 
Si tratta di una libertà molto ampia dal momento che la stazione appaltante non è tenuta a indicare i motivi di tale scelta. Al contrario l’amministrazione dovrà addurre valide motivazioni per il ricorso alla trattativa privata. La regola generale da rispettare è in sostanza quella della gara pubblica, che assicura il rispetto dei principi di trasparenza, efficienza e buon andamento.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui