Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Rincari dei materiali da costruzione, come richiedere le compensazioni
LAVORI PUBBLICI Rincari dei materiali da costruzione, come richiedere le compensazioni
NORMATIVA

Cessioni materiali edili, chiarimenti sull’Iva

di Paola Mammarella

Entrate: possibile ridurre la base imponibile se il contratto lo prevede

14/04/2009 – In una cessione di materiali per l’edilizia il venditore può diminuire la base imponibile e l’Iva da addebitare all’acquirente se il cliente, dopo aver acquistato una partita di cemento con i relativi bancali per il trasporto, restituisce questi ultimi al cedente, esercitando una facoltà prevista dal contratto. In questo caso al venditore è riconosciuta la detrazione di imposta in corrispondenza alla variazione effettuata.
 
Lo ha stabilito l’ Agenzia delle Entrate nella Risoluzione 85/E del 31 marzo scorso, rispondendo al quesito di un’impresa operante nel settore delle costruzioni. Il Dpr 633/1972 prevede che nel caso in cui si riduca l`ammontare imponibile di un`operazione per la quale sia stata già emessa la relativa fattura, a causa, tra l`altro, della risoluzione del contratto, o del verificarsi di circostanze assimilabili alla risoluzione, il cedente ha diritto di portare in detrazione l`imposta corrispondente alla variazione effettuata, annotandola nel registro degli acquisti.
 
L’Agenzia delle Entrate ha quindi chiarito che la facoltà, concessa dal contratto, di restituire parte dei materiali è assimilabile a una risoluzione parziale dello stesso e costituisce il presupposto per cui il venditore può operare una riduzione dell’Iva.
 
Il documento che attesta la riduzione dell’Iva e della base imponibile deve essere collegato con la fattura originaria, presentando lo stesso oggetto, e deve contenere le generalità di entrambi i soggetti coinvolti nell’operazione, la qualità e la quantità del bene ceduto, l’ammontare dell’imponibile, dell’imposta e l’aliquota applicata. Le indicazioni possono essere riportate in una nota di credito a fronte della fattura già emessa, con cui viene rimborsato il cessionario, o nella fattura relativa alla cessione successiva degli stessi materiali.
 
Gli adempimenti di registrazione spettano a entrambi i soggetti. L’acquirente deve annotare il documento nel registro delle fatture emesse, mentre il venditore deve annotarlo nel registro degli acquisti.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui