Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Subappalto con tetto al 40% e manutenzioni su progetto definitivo, tutto resta com’è
LAVORI PUBBLICI Subappalto con tetto al 40% e manutenzioni su progetto definitivo, tutto resta com’è
SICUREZZA

Inail: nel 2008 infortuni mortali in calo del 5,6%

Per la prima volta dal dopoguerra si scende sotto i 1.200 casi l’anno

Vedi Aggiornamento del 17/06/2009
Commenti 3382
30/04/2009 - Incidenti in calo del 4,1%. Morti sul lavoro in diminuzione del 5,6%. Stime previsionali all’insegna di un sensibile contenimento del fenomeno infortunistico per quanto riguarda l’Italia nel 2008. L’anno passato, infatti, secondo le rilevazioni della Consulenza statistico attuariale dell’INAIL, ha registrato un totale di 874.866 infortuni denunciati - rispetto ai 912.410 del 2007 - per 1.140 casi mortali (rispetto ai precedenti 1.207).
 
Si tratta, naturalmente, di una stima previsionale del dato annuo definitivo e, in quanto tale, ancora ufficiosa. Ma sono valutazioni che - pur nella loro drammaticità dei numeri, che restano comunque inaccettabili - lasciano profilare per il 2008, per la prima volta dal dopoguerra, un numero di morti sul lavoro al di sotto della soglia dei 1.200 casi/anno.
 
A livello generale, ancora, se restano sostanzialmente stabili gli infortuni delle donne (250.572, pari al - 0,2%), sono in forte calo le morti "rosa" (85 casi contro 97, per il - 12,4%).
 
In relazione ai singoli comparti economici, gli infortuni sul lavoro diminuiscono sensibilmente nelle tradizionali gestioni INAIL dell’Agricoltura (53.211, -7%) e dell’Industria e Servizi (790.261 -4,3%), mentre aumentano tra i Dipendenti dello Stato (31.394 +7,4%). Come già detto, il calo complessivo (-4,1%) è nettamente più consistente di quello registrato nel 2007 (-1,7%). Più accentuata, inoltre, la flessione per gli uomini (-5,6%) rispetto alle donne (-0,2%).
 
Per quanto riguarda i casi mortali, ancora, continua il calo sostenuto nell’Industria e Servizi (1.002 vittime, per il -7,9% ), mentre per l’Agricoltura (120 casi) si delinea un’inversione di tendenza rispetto all’anno precedente con un incremento nell’ordine del 14% circa in termini relativi, ma di minor rilevanza se si considerano i dati assoluti (circa 15 unità).
 

Fonte: Inail
 
 
 
 
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui