Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Subappalto con tetto al 40% e manutenzioni su progetto definitivo, tutto resta com’è
LAVORI PUBBLICI Subappalto con tetto al 40% e manutenzioni su progetto definitivo, tutto resta com’è
URBANISTICA

Politiche del paesaggio: proposta rete nazionale

L’idea dell’Osservatorio Europeo del Paesaggio e di Agenda 21 Italia

Vedi Aggiornamento del 31/07/2009
Commenti 2539
29/04/2009 - Creare un coordinamento a livello nazionale nella definizione delle politiche per il paesaggio che metta in rete le diverse esperienze locali. È questa la proposta lanciata da Agenda 21 Italia e Osservatorio Europeo del Paesaggio, in accordo con la Direzione Parc del Ministero dei Beni e delle Attività culturali, in occasione della consegna del “Premio Nazionale per percorsi di partecipazione alle politiche per il paesaggio e la biodiversità” che si è tenuta lo scorso 23 aprile nella sede della Provincia di Salerno.
 
“È necessario individuare più livelli di collaborazione nella definizione delle politiche per il paesaggio – sottolinea Eriuccio Nora, direttore di Agenda 21 Italia – che prevedano, in ambito territoriale, il coinvolgimento della cittadinanza, delle associazioni, del mondo accademico e della scuola ed a livello nazionale, la strutturazione di un tavolo di confronto che consenta un’integrazione delle esperienze e delle conoscenze specifiche”.
 
L’obbiettivo quindi è quello di valorizzare tutte le realtà del paese che sono già attive e incentivare un confronto sulle metodologie di intervento che permetta un ulteriore miglioramento sul fronte della pianificazione. “Creare un coordinamento a livello nazionale – mette in risalto Angelo Paladino, Presidente dell’Osservatorio Europeo del Paesaggio – permetterebbe di avere un quadro comparativo completo che potrebbe consentire di interpretare in modo più strutturato e pratico le esigenze dei singoli territori. L’esperienza del Premio ci ha permesso di conoscere le buone pratiche che potranno costituire l’inizio delle rete di qualità del paesaggio italiano”.
 
In termini concreti il tavolo di confronto potrebbe permettere la creazione di un vero e proprio data base in grado di mappare il panorama nazionale e sviluppare azioni mirate di tutela incentivando sempre più una visione del paesaggio come risorsa da difendere, contribuendo così al benessere e alla soddisfazione degli esseri umani e al consolidamento della propria identità.


Fonte: Coordinamento AGENDA 21 Italia

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui