Carrello 0
NORMATIVA

Abruzzo, ok a norme per la ricostruzione leggera

Aperti ieri i primi cantieri per la realizzazione del Piano C.A.S.E.

Vedi Aggiornamento del 21/10/2009
09/06/2009 - A due mesi esatti dal terremoto in Abruzzo, sono state firmate le ordinanze che disciplinano la cosiddetta “ricostruzione leggera” per gli immobili danneggiati dal sisma. Entreranno in vigore con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, attesa nel corso di questa settimana.
 
L’ Ordinanza n. 3778 contiene le procedure e il modulo per richiedere al Comune il contributo fino a 10mila euro previsto per la riparazione dei danni di lieve entità delle abitazioni classificate come agibili, di tipo A. È la prima volta che questo tipo di danni viene rimborsato in Italia. Il contributo può essere richiesto dai proprietari delle abitazioni valutate agibili di tipo “A”, che hanno quindi subito danni non strutturali, riparabili in un mese dall’inizio dei lavori.
 
L’ Ordinanza n. 3779 contiene le procedure e il modulo per richiedere al Comune il contributo previsto per la riparazione degli edifici inagibili di categoria “B” e “C”. In questo caso occorrono lavori strutturali per rendere di nuovo agibili gli edifici e il contributo copre integralmente le spese per le abitazioni principali. Sono previsti rimborsi anche per gli immobili non adibiti ad abitazione principale o ad uso non abitativo, ma fino all’80% delle spese previste, e comunque non superiori a 80mila euro.
 
L’ Ordinanza n. 3780 , infine, contiene disposizioni in merito agli adempimenti e alle esenzioni fiscali nella zone colpite dal terremoto.

E intanto ieri sono iniziati i lavori per la realizzazione dei complessi residenziali previsti nel Piano C.A.S.E. (Complessi Antisismici Sostenibili ed Ecocompatibili), il progetto che prevede la costruzione di quartieri e appartamenti per circa 13.000 cittadini rimasti senza un’abitazione a seguito del terremoto. Nelle località di Cese di Preturo e di Bazzano due società,  la Co.Ge.Fer. di Roma e la P.r.s. Produzione e servizi s.r.l. di Avezzano sono entrate nei primi cantieri. Terminati i lavori di recinzione dell'area, la predisposizione della segnaletica interna e dei mezzi per gli scavi, da oggi 9 giugno inizieranno le operazioni di scavo vere e proprie, per la realizzazione delle fondazioni delle abitazioni che poggeranno su piattaforme antisismiche.
 
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati