Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, Ance: per un condominio servono 18 mesi e 36 procedure
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, Ance: per un condominio servono 18 mesi e 36 procedure
NORMATIVA

Piano Casa, le Marche includono l'edilizia non residenziale

di Paola Mammarella

No ai cambi di destinazione d’uso contro i fenomeni speculativi, percentuali in linea con la bozza di DL nazionale

Vedi Aggiornamento del 09/12/2009
Commenti 16012
02/07/2009 – Anche le Marche si mettono in linea col Piano Casa . La Giunta Regionale ha varato lunedì scorso la bozza di disegno di leggeper il rilancio dell’edilizia attraverso gli aumenti di cubatura, trasmessa al Consiglio per l’approvazione definitiva. Soddisfatto il Governatore Spacca, che nelle misure per il rilancio delle costruzioni vede la soluzione per vari problemi, come disoccupazione, sicurezza degli edifici.
 
Strumenti di rilancio : Il Piano Casa regionale si snoda su due linee direttrici cioè ampliamenti e demolizioni con successiva ricostruzione, che non lasciano spazio ai cambi di destinazione d’uso per evitare fenomeni speculativi. Per gli immobili esistenti che non superano i mille metri cubi sono consentiti aumenti di cubatura fino al 20% , estendibili anche agli edifici non residenziali, con ripercussioni positive su occupazione e stimolo delle attività economiche.
 
Gli interventi di demolizione e ricostruzione sono possibili con un premio di cubatura che, in linea con la bozza di DL nazionale , può raggiungere il 35%. I lavori devono rispondere ad alcuni criteri, come il miglioramento della sostenibilità energetico – ambientale, la diffusione della sicurezza statica attraverso l’applicazione delle norme antisismiche e l’utilizzo di fonti rinnovabili.
 
I maggiori incrementi volumetrici sono concessi ai soggetti che riescono a realizzare superiori prestazioni energetiche e antisismiche, misurati secondo parametri prestabiliti. La ricostruzione con premio di cubatura può essere applicata all’edilizia non residenziale e, previo consenso dei Comuni, anche ad aree diverse.
 
Destinatari della norma : Ampliamenti e demolizioni possono interessare edifici destinati a opere pubbliche o di pubblica utilità, immobili di edilizia residenziale pubblica o appartenenti al patrimonio della Regione o degli Enti Locali. Esclusi dall’ambito di applicazione della legge centri storici, aree definite di tutela integrale dai piani regolatori comunali, zone a tutela paesaggistica o demaniale.
 
Modalità di partecipazione : I progetti vanno presentati ai Comuni con una relazione del tecnico o del professionista che accerti il miglioramento delle prestazioni energetiche e di sicurezza degli edifici.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Leggi i risultati