Carrello 0
UNStudio per il nuovo Palazzo della Danza di San Pietroburgo
RISULTATI

UNStudio per il nuovo Palazzo della Danza di San Pietroburgo

di Rossella Calabrese
Commenti 3532

In gara anche Jean Nouvel, UNStudio, Snøhetta e ZAO

Commenti 3532
30/07/2009 - UNStudio è il vincitore del concorso a inviti per la progettazione di un nuovo, grande teatro nel centro storico di San Pietroburgo.
 
Ampia 21.000 metri quadrati, la struttura ospiterà la Eifman Ballet Company di San Pietroburgo, diretta dal celebre coreografo Boris Eifman. Oltre a UNStudio, che ha meritato il titolo di vincitore ottenendo il voto unanime della giuria, alla competizione hanno preso parte i team di Jean Nouvel, UNStudio, Snøhetta e ZAO.
 
Il nuovo “Palazzo della Danza” costituirà parte integrante del masterplan firmato dall’atelier russo Yevgeny Gerasimov and Partners per il nuovo quartiere urbano dell’European Embankment, destinato a sorgere su un ex sito industriale nel centro storico di San Pietroburgo. Il teatro si affaccerà su una nuova piazza pubblica.
 
"Il contesto urbano dell’edificio è stato un dato essenziale nella fase di progettazione – spiega Ben van Berkel. Il Palazzo della Danza è posizionato sulla nuova piazza in modo da consentire la piena visibilità della vicina cattedrale del principe Vladimir e la Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo , nonché di alcuni dei più eccezionali edifici di San Pietroburgo. Le qualità scultoree del “Dance Palace” riflettono quelle dei volumi limitrofi, garantiscono una “connessione” all’ambiente circostante ma conservano, al contempo, una funzione ‘saliente".
 
Ulteriore fattore d’integrazione tra il “Palazzo della Danza” ed il contesto circostante sono le dimensioni della nuova struttura, che, per elevazione, rispetta i canonici 28 metri d’altezza degli edifici nel centro di San Pietroburgo.
 
Il teatro è immaginato come un edificio aperto e accogliente, in grado di ospitare 1300 spettatori (1000 nell’auditorium principale, 300 in quello più piccolo). Elementi essenziali della proposta sono lo spazioso foyer e la relazione “trasparente” tra la struttura, la piazza circostante e la città, ottenuta attraverso un sistema di facciata in pannelli triangolari in vetro - in parte opachi, in parte incolore – che, poiché parzialmente perforati, creano un’apertura controllata del nuovo contenitore culturale rispetto all’esterno.
 
“Il foyer è caratterizzato da un significativo grado di trasparenza dall’interno verso l’esterno, contestualmente funge da “palco” per i visitatori del teatro. Si tratta di un luogo dove poter osservare ed essere osservati” spiega van Berkel.
 
L’auditorium principale è caratterizzato da un andamento a ferro di cavallo, forma che garantirà alla struttura un’ottima performatività acustica. Ulteriore proposito del progetto è stato quello di rendere possibile la visualizzazione dell’artista in piedi sul palco da ogni posto in sala e in qualsiasi momento.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa