Carrello 0
Barcellona: posata la prima pietra della Spiralling Tower
ARCHITETTURA

Barcellona: posata la prima pietra della Spiralling Tower

di Roberta Dragone

Una torre in acciaio e cemento firmata Zaha Hadid

03/09/2009 –  Il 14 luglio scorso Barcellona ha celebrato, alla presenza delle autorità pubbliche, la posa della prima pietra della Spiralling Tower , la torre a forma di spirale progettata da Zaha Hadid . L’edificio, destinato a diventare l’icona del futuro Campus universitario del Besòs, sorgerà nell’area del Forum 2004, accanto al triangolo blu disegnato da Herzog & de Meuron.
 
Intervenuta con un breve discorso, Zaha Hadid ha raccontato di un concorso, al quale partecipò una ventina di anni fa, per la progettazione ed ampliamento della Avenida Diagonal. Occasione che le avrebbe consentito di studiare e meglio comprendere lo sviluppo urbano della città, e che avrebbe influenzato il progetto di cui si inaugura oggi il cantiere.
 
La torre occuperà una superficie di circa 27mila metri quadrati coperti, e si svilupperà su 11 piani per un’altezza complessiva di 48 metri. È inoltre prevista la realizzazione di un parcheggio di due piani interrati per 7mila metri quadrati di superficie, un auditorium di 2mila metri quadrati ed una galleria commerciale di 1.000 metri quadrati.
 
Battezzato “Spiralling Tower” in virtù della sua particolare forma a spirale, il progetto presenta una sovrapposizione di volumi paragonabile ad una pila di libri che, uno sull’altro, girano su se stessi seguendo un andamento a spirale.
Qualcuno ha ribattezzato a struttura “Torre sandwich” vedendo nella dinamicità dell’architettura della Hadid un mucchio di fette di pane inglese distribuite irregolarmente una sull’altra.
La particolare configurazione del volume consente la formazione di molte zone all’aperto, terrazze e piani a sbalzo.
 
Il rivestimento esterno della parete perimetrale sarà realizzato in doppio vetro, intercalato da pannelli di alluminio, al fine di sfruttare al massimo la luce naturale e consentire al tempo stesso la vista del mare “da tutti gli angoli possibili”.
 
La struttura ospiterà la sede del Campus universitario del Besòs, gli uffici di imprese per lo sviluppo scientifico e tecnologico, e studi tecnici professionali. I piani più bassi saranno riservati all’università, mentre gli uffici delle imprese saranno sistemati nei piani più alti.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati