Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, Ance: ‘subito i moduli aggiornati per la CILA’
NORMATIVA Superbonus, Ance: ‘subito i moduli aggiornati per la CILA’
NORMATIVA

Piano Casa, in Lombardia le linee guida per il verde

di Paola Mammarella

Extrabonus del 5% sulla sostituzione edilizia per chi realizza coperture arboree con piante autoctone

Vedi Aggiornamento del 12/03/2010
Commenti 8191
10/09/2009 – Coperture arboree in cambio di ulteriori aumenti di cubatura. È quanto prevede la Legge Regionale 13/2009 della Lombardia, recante azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio e urbanistico.

La Giunta Regionale, con la Delibera 10134/2009 dello scorso 7 agosto, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n.34 del 24 agosto e recante “Determinazioni relative alla qualificazione degli insediamenti attraverso la realizzazione degli spazi verdi”, ha definito l’adeguata dotazione di verde necessaria per ottenere un incremento volumetrico aggiuntivo del 5% su quello del 30% già previsto dal Piano Casa regionale. 

Secondo la L.r. 13/2009, infatti, sono ammessi ampliamenti del 35% se si assicura un equipaggiamento arboreo non inferiore al 25% del lotto interessato o la costituzione di quinte arboree perimetrali.

Per passare alla fase operativa del piano per il rilancio delle costruzioni, che avrà effetto dal 16 ottobre, sono stati quindi decisi i criteri che daranno il via libera ad aumenti volumetrici del 35% negli interventi di sostituzione edilizia, che consentono cioè la riprogettazione complessiva dell’edificio.

Linee guida : Per rendere efficace le disposizioni, il proprietario dell’edificio oggetto dell’intervento di ampliamento deve impegnarsi a mantenere le superfici arboree nelle condizioni previste per tutta l’esistenza dell’immobile. La progettazione degli interventi deve quindi tenere presente il valore estetico percettivo degli spazi verdi per il miglioramento della qualità urbana. 

Gli elementi arborei dovranno rispettare le caratteristiche morfologiche del territorio e la riconoscibilità degli elementi, essere coerenti con gli spazi verdi limitrofi, salvaguardare gli elementi che connotano gli spazi pubblici e costituiscono l’identità del paesaggio, tutelare i corsi d’acqua ed evitare interferenze con la viabilità. 

Istruzioni pratiche : La copertura arborea potrà essere realizzata ricorrendo esclusivamente a specie autoctone o naturalizzate nel paesaggio locale. A quote inferiori a 600 metri sul livello del mare dovranno essere impiantate solo latifoglie. Se la sostituzione edilizia avviene su una superficie fondiaria maggiore di 15 mila metri quadri diventa obbligatoria la progettazione da parte di un tecnico agronomo forestale, che dovrà garantire una densità minima di 200 piante per ettaro. 

La realizzazione delle quinte arboree perimetrali sarà invece preferibile per gli interventi su edifici destinati ad attività produttive o di maggiore impatto visivo. L’impianto delle fasce arboree, di profondità maggiore di 3 metri, dovrà avvenire su almeno due lati pubblici o di pubblico interesse garantendo la percolazione e la libertà da impermeabilizzazioni.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui